BARI: AL BIF&st BERTOLUCCI E TORNATORE

Dal 21 al 28/4 arrivano anche Favino,Ramazzotti e Pippo Baudo

701

Due eventi speciali con Bernardo Bertolucci e Giuseppe Tornatore, e le versioni restaurate dei rispettivi ‘Ultimo tango a Parigi’ che sarà presentato in anteprima mondiale a Bari, e ‘Nuovo cinema paradiso’ che fu presentato per la prima volta nel 1988 nel capoluogo pugliese.
Sono queste alcune delle novità della decima edizione del Bari international film festival (Bif&st), nel capoluogo pugliese dal 21 al 28 aprile prossimi. Il programma è stato delineato oggi dal direttore del festival, Felice Laudadio. Sono intervenuti, tra gli altri, il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, l’assessore regionale alla Cultura, Loredana Capone, il sindaco di Bari, Antonio Decaro, e il presidente dell’Apulia film commission, Maurizio Sciarra. Nel ricco cartellone del Festival, che l’anno scorso ha avuto 75mila presenze, ci sono anche due retrospettive dedicate al regista Marco Ferreri (che sarà celebrato anche con una mostra di 90 gigantografie all’esterno del Petruzzelli) e al produttore Franco Cristaldi.

Previste lezioni di cinema coni, Pierfrancesco Favino, Micaela Ramazzotti, Antonio Albanese, Margarethe von Trotta (presidente del Bif&st), Vittorio Storaro e Pippo Baudo. E poi i concorsi per i film del panorama internazionale con le anteprime serali al Petruzzelli, e l’Italia film fest per lungometraggi e opere prime e seconde. Ci sarà poi il ‘cineconcertò dedicato ad Armando Trovajoli (‘La musica tra teatro e cinema’) con Peppe Servillo alla voce. Senza contare le rassegne come quella ‘Cinema e scienza’ dedicata al regista Werner Herzog, o ‘Cinema e musica’ che renderà omaggio al maestro Luis Bacalov recentemente scomparso.
La sera del 28 aprile, quando il festival chiuderà con la proiezione della pellicola ‘Ultimo tango a Parigi’, sarà Tornatore a consegnare a Bertolucci il Premio Fellini per l’eccellenza cinematografica. Lo stesso riconoscimento sarà consegnato anche agli attori Favino e Ramazzotti, e al regista Mario Martone.

Comments are closed.