TRIS TARANTINO AL DAVID DI DONATELLO

VINCONO RIONDINO, GERMANO, DIODATO

520

Il prestigioso David di Donatello per il miglior attore è stato consegnato da Eleonora Giorgi a Michele Riondino per la sua straordinaria interpretazione in Palazzina Laf. Riondino, visibilmente emozionato, ha ringraziato calorosamente tutti coloro che lo hanno sostenuto durante la sua carriera, sottolineando l’importanza di sentirsi a casa sul set e nel mondo del cinema.

Michele Riondino in Caterino Lamanna

L’attore ha condiviso un toccante ricordo del suo primo David nel 1974 a Taormina, esprimendo gratitudine per i cinquant’anni trascorsi nella famiglia del cinema. Inoltre, ha evidenziato il contributo del cinema pugliese, citando i film Comandante e Disco Boy, entrambi ambientati a Taranto.

Riondino ha concluso il suo discorso ringraziando la famiglia, in particolare la moglie Eva Nestori, e tutte le persone coinvolte nella realizzazione di Palazzina Laf.

LA TOCCANTE SCENA DELLA LETTERA AL VESCOVO

Elio Germano trionfa ai David di Donatello con una performance straordinaria nel film diretto da Michele Riondino, “Palazzina Laf”. Il talentuoso attore ha conquistato il suo quinto premio su dieci candidature, dimostrando ancora una volta l’indiscusso talento nel mondo della cinematografia italiana.

Durante il suo discorso di ringraziamento, Germano ha espresso il desiderio di condividere il riconoscimento con il regista Michele Riondino, invitandolo sul palco. “Vorrei condividere questo premio con Michele, puoi venire sul palco per favore? Questo ruolo volevi farlo te, ma mi sono rifiutato di essere il protagonista: dobbiamo lottare insieme e questo film è stato una lotta. Andando in giro per l’Italia, abbiamo capito che questa storia è molto attuale: Taranto è una città violentata dal profitto e il cinema non può cambiare le cose, magari con lo sguardo”, ha dichiarato Germano, evidenziando l’impegno sociale e politico del film.

Le parole di Germano sono state seguite da quelle di Michele Riondino, il quale ha sottolineato il lungo e intenso lavoro che ha caratterizzato la realizzazione del film. “È stato un lavoro lunghissimo di ricerca, di studio, un lavoro di compagnia. Ringraziamo tutti quelli che hanno partecipato”, ha affermato Riondino evidenziando l’importanza del contributo di tutto il team nella creazione di un’opera cinematografica così significativa e coinvolgente.

Per la miglior canzone originale, il David di Donatello è andato a Diodato per “La mia terra”, brano del film Palazzina Laf, per la regia di Michele Riondino. ”Grazie per questo amore corrisposto, in particolare a Michele Riondino che mi ha coinvolto in un’opera così importante per la nostra terra. Dedico questo premio alla mia Taranto e a tutti i tarantini: a quelli che non ci sono più e a quelli che credono che un futuro è possibile. Taranto è una città che soffre, ma colgo l’occasione per invitare tutti a venire a vedere quanto è bella”.

Comments are closed.