REGIONE, SERVIZIO MENSE OSPEDALIERE: AUDIZIONI IN II COMMISSIONE

L'intervento di Renato Perrini: il consigliere regionale di Direzione Italia-Noi con l'Italia chiede chiarezza sul futuro di 1.200 lavoratori

565

Oggi a Bari in II Commissione abbiamo ascoltato chi rappresenta i lavoratori delle mense ospedaliere delle Asl pugliesi, ma avremmo voluto che a sentirli fossero anche il presidente Emiliano e la struttura dirigenziale che sta gestendo le procedure, anche perché qui parliamo in totale di 1.200 lavoratori che non conoscono quale sarà il loro futuro. La Regione Puglia sta spingendo verso una gestione unica del servizio che onestamente non mi ha mai convinto. Più volte infatti ho chiesto trasparenza in merito all’affidamento del servizio in esclusiva. Ma le mie perplessità dipendono anche dal fatto che negli ultimi anni sono stati spesi in totale 4 milioni di euro per ammodernizzare e rendere perfettamente funzionanti le cucine degli ospedali di Martina Franca, Castellaneta e Massafra. In pratica alla  luce delle scelte che oggi vuole fare la Regione Puglia si tratterebbe di soldi buttati?

Aggiungo anche che proprio per il particolare tipo di utenza a cui il sevizio è rivolto, è necessario mantenere alto lo standard di qualità. Per me quindi restano due le priorità, sulle quali non accetterò compromessi: tutelare i dipendenti dei centri di cottura e i loro contratti, e mantenere un servizio di ristorazione che garantisca pasti fatti al momento e cotti in strutture vicine all’utenza.

Comments are closed.