PROBLEMI KYMA AMBIENTE, LA RISPOSTA DELLA MAGGIORANZA

"CHI CI ACCUSA E' A CORTO DI COMPETENZE"

158

Sulla vicenda Kyma Ambiente si registra la risposta dei consiglieri di maggioranza alle accuse piovute dal coordinamento dei partiti di centrosinistra.

Di seguito il testo integrale:

Rispetto alle odierne dichiarazioni di alcune forze politiche, rappresentate in Consiglio Comunale, dobbiamo registrare il dispiacere di aver avuto accanto, per mesi, amministratori a corto di competenze.
Ce ne rammarichiamo, per il passato, ma ci rallegriamo di poter scrivere oggi una storia diversa, fatta invece di competenze. Che sono quelle che stiamo investendo nel risanamento di Kyma Ambiente e nella generale rimodulazione di tutto il sistema delle nostre partecipate.
PerchΓ© sosteniamo che quanto dichiarato oggi da questi ex compagni di viaggio sia sbagliato? PerchΓ© il prestito ponte del quale parlano, dicendo che β€œdifficilmente potrΓ  essere restituito”, Γ¨ giΓ  stato saldato completamente a dicembre 2023! Le rate erano decurtate direttamente dal canone mensile versato dal Comune per il servizio, come indicato nella delibera di consiglio che tutti loro hanno votato (evidentemente senza comprenderla…).
Che dire, poi, della β€œmeraviglia” scaturita dall’applicazione di una norma di comune conoscenza, per chiunque abbia dimestichezza con appalti e contratti pubblici (e loro dovrebbero averla…)? Parliamo del potere sostitutivo cristallizzato nell’art. 11, comma 6, del decreto legislativo 36/2023, meglio noto come nuovo Codice degli Appalti: nulla di strano o inconsueto, Γ¨ giΓ  accaduto che fosse applicato a tutela dei lavoratori, senza che nessuno se ne scandalizzasse. Il Durc di Kyma Ambiente, peraltro, scontando una pregressa situazione di incertezza che il management sta recuperando e onorando, con grande impegno e competenza (loro sΓ¬ che ce l’hanno…), Γ¨ passibile di queste oscillazioni.
Rispetto al resto delle osservazioni consegnate alla pubblica opinione, poi, preferiamo sorvolare velocemente: se si sta scrivendo un nuovo contratto di servizio, la cui definizione Γ¨ prevista nei prossimi mesi, Γ¨ ovvio che tutta una serie di servizi da riprendere o integrare venga inglobata in quel percorso e rinviata. Ma siamo certi che, nel frattempo, Kyma Ambiente saprΓ  operare con criterio, come ha fatto con gli annunciati licenziamenti degli inidonei, che in una decina di casi si sono trasformati in personale da destinare ai servizi.
Precisato che le retribuzioni dei dipendenti non sono state a rischio, pare opportuno invitare Β chi agita β€œfantasmi” dai nomi evocativi, come privatizzazione, a pensare piuttosto alla responsabilitΓ  che dovrebbe avere nel comunicare ai cittadini la necessitΓ  di rispettare il decoro e le regole, nel farsi parte diligente in quella battaglia di civiltΓ  che ogni giorno viene compiuta da Kyma Ambiente per salvaguardare l’igiene urbana.
Ma sarebbe troppo difficile, servirebbero competenze civiche che non appartengono a chi, invece, Γ¨ abituato alla polemica di bassa qualitΓ .

Comments are closed.