PERRINI: “SAREMO COSTRETTI A NASCERE IN BASILICATA”

Il commento del consigliere regionale sulla chiusura del punto nascite di Castellaneta

448

“La Sanità che fa i conti solo con i numeri porterà molti tarantini a nascere in Basilicata! Non è una provocazione è quello che accadrà con la chiusura del punto nascita all’ospedale di Castellaneta. Molte partorienti preferiranno ospedali lucani, più vicini, al Santissima Annunziata di Taranto e al Valle d’Itria di Martina Franca. Oltre il danno, poi, la beffa: la Regione Puglia dovrà anche pagare alla Regione Basilicata i costi dei parti”. E’ il messaggio lanciato dal consigliere regionale Renato Perrini.

“Fin dall’inizio della legislatura sono stato fra i consiglieri regionali più attivi perché l’ospedale di Castellaneta rimanesse di primo livello, ma ora non intendo rassegnarmi alla chiusura del punto nascita proprio per difendere quell’appartenenza a un territorio: sapere che bambini tarantini avranno sulla carta di identità il luogo di nascita in un’altra regione a me, personalmente, un provoca disagio. Spero che i colleghi tarantini provino la stessa sensazione e che insieme riusciamo a convincere il presidente Emiliano a cambiare idea”

Comments are closed.