CONFISCATI BENI PER CIRCA 20 MILIONI DI EURO A MICHELE CICALA

Sotto chiave esercizi commerciali, appartamento, auto, moto e conti corrente

1.892

Nella mattinata odierna – 9-2-2024 – i finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Taranto, con il supporto di personale del Servizio Centrale Investigazione Criminalità Organizzata del Corpo, hanno dato esecuzione a un provvedimento, emesso dal Tribunale di Lecce – Sezione Misure di Prevenzione, di confisca di prevenzione, di primo grado, di beni del valore stimato in circa 20 milioni di euro.

“Il provvedimento ablatorio – si legge in una nota della Guardia di Finanza – rappresenta l’epilogo di complesse investigazioni economico-patrimoniali ai sensi della normativa antimafia, coordinate dalla Procura della Repubblica di Lecce – Direzione Distrettuale Antimafia e condotte dal Reparto nei confronti di un pregiudicato tarantino (Michele Cicala, Ndr)  ritenuto “socialmente pericoloso” perché condannato, in via definitiva, per il reato di detenzione illegale di armi e gravato da precedenti per i delitti di associazione per delinquere, danneggiamento seguito da incendio, ricettazione, tentata estorsione e lesioni personali, nonché più volte sottoposto alla misura di prevenzione personale della “sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno”, da ultimo con decreto del Tribunale di Lecce del 16 febbraio 2023.

Gli approfondimenti investigativi delegati dall’autorità giudiziaria salentina, oltre a consentire la ricostruzione degli asset imprenditoriali apparentemente riferibili al prevenuto, hanno consentito di rilevare come quest’ultimo, dopo un lungo periodo di detenzione e avvalendosi di presunti “prestanome”, disponendo di fonti di reddito appena sufficienti a soddisfare le esigenze del proprio nucleo familiare, avrebbe conseguito significativi incrementi patrimoniali frutto dell’apparente reimpiego dei profitti illeciti, reinvestiti progressivamente in una serie di attività commerciali nel settore della ristorazione e del commercio di idrocarburi.

Sotto chiave le imprese «Dolci Incantesimi srl», «The Family», la «Primus», l’a società informatica «Cab» «Kcl Fuel». E ancora «Primus Group srl», la «Primus Talsano srl», un appartamento a Tramontone, quattro auto di grossa cilindrata, una moto Honda e conti correnti.

Sussistendo i prescritti presupposti di natura soggettiva e oggettiva previsti dal “Nuovo Codice Antimafia”, il Tribunale salentino, nel luglio 2022, accogliendo la conforme proposta avanzata dalla Procura della Repubblica di Lecce -Direzione Distrettuale Antimafia-, basata sul solido compendio raccolto dalle Fiamme Gialle tarantine, ha emesso nei confronti del proposto un provvedimento di sequestro di prevenzione anticipato di beni, al quale ha fatto seguito il decreto di confisca di primo grado.

Tra i beni confiscati sono ricompresi un fabbricato situato a Taranto, autovetture, polizze, compendi aziendali e quote di partecipazione al capitale di 5 imprese, con sedi/unità locali a Taranto, operanti nei settori della ristorazione e del commercio di carburanti, nonché disponibilità finanziarie per un valore complessivo pari a circa 20 milioni di euro.

Qualora il provvedimento ablatorio divenisse definitivo, i beni oggetto della confisca di primo grado saranno affidati alla gestione dell’Agenzia Nazionale per l’Amministrazione e la Destinazione dei Beni Sequestrati e Confiscati alla Criminalità Organizzata ai fini del loro proficuo utilizzo.

L’operazione di servizio in argomento testimonia il costante impegno della Procura della Repubblica di Lecce -Direzione Distrettuale Antimafia-  e della Guardia di Finanza di Taranto nell’aggressione ai patrimoni illeciti, azione che assume un valore anche “sociale” poiché consente di restituire alla collettività le ricchezze accumulate nel tempo alla criminalità.

 

Comments are closed.