BRADANICO-SALENTINA VERSO LO SBLOCCO

Confermate opere per 25 milioni di euro

1.424

Dopo anni di ritardi e di attese, si avvia allo sblocco l’appalto dell’itinerario stradale Bradanico-Salentino che mette meglio in collegamento l’area di Taranto con la parte più a Sud della Puglia. Si tratta di opere per un ammontare di circa 25 milioni di euro. “Tra i 21 interventi rientrati nell’elenco dei progetti nel ‘Patto per la Puglia’ firmato nel settembre 2016 dall’allora presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e il governatore Michele Emiliano – dichiarano i consiglieri regionali pugliesi Donato Pentassuglia e Luigi Morgante – avevamo pressato per l’inserimento anche dei due inerenti il completamento del terzo lotto (Taranto-Grottaglie e Manduria) e del primo lotto (variante di San Pancrazio Salentino) dell’Itinerario Bradanico-Salentino, con risorse stornate dal Fondo per lo Sviluppo e la Coesione nella programmazione 2014-2020”. “Interventi che – rilevano Pentassuglia e Morgante – sono stati confermati e riprogrammati”. Infatti, i 50,4 milioni di euro previsti per il completamento funzionale della variante di San Pancrazio Salentino, finanziati con delibera Cipe, sono stati ridotti a 24,8 per l’adeguamento alle indicazioni del Nucleo di Valutazione Investimenti della Regione. Mentre l’importo di 54,7 milioni di euro per il completamento funzionale della strada a scorrimento veloce Taranto-Grottaglie e Manduria, è stato rimodulato in 25 milioni di euro.

“Mancavano solo le progettazioni definitive – affermano i due consiglieri regionali della Puglia – necessarie per procedere con le gare d’appalto e rispettare i cronoprogrammi previsti”. Adesso il Comune di Manduria (Taranto) “ha completato il lavoro richiesto, seguendo tutte le indicazioni e prescrizioni segnalate dall’ente appaltante, mentre la commissione straordinaria, con potere di Consiglio, ha provveduto ad approvare la relativa variante al Piano regolatore generale, necessaria per gli interventi che ricadono in zona agricola”. “Così finalmente l’Anas potrà avviare le procedure di gara per i lavori attesi ormai da decenni” commentano Pentassuglia e Morgante. Il Pd di Taranto, col segretario Giampiero Mancarelli, dichiara invece che con l’approvazione dei Comuni di Manduria, Sava e San Marzano (tutti nel Tarantino) del progetto definitivo di Anas con la conseguente adozione della variante urbanistica, “finalmente si sblocca l’iter di completamento del terzo lotto III, stralci secondo e terzo della strada statale n. 7 ter, itinerario ‘Bradanico-Salentino’ e specificamente del tratto compreso tra la strada a scorrimento veloce Taranto-Grottaglie e Manduria”. “Passaggio successivo – commenta il Pd di Taranto- sarà quello di avviare la gara di appalto per i lavori da parte di Anas. Finalmente, verranno realmente spesi fondi Cipe per quasi 25 milioni di euro”.  “Questa opera – conclude Mancarelli – può davvero rappresentare un volano importante di crescita economica per dei territori naturalmente interconnessi che ancora oggi soffrono di una scarsa facilità di interscambio”.Infine per il consigliere regionale della Puglia, Giuseppe Turco, sull’itinerario stradale Bradanico-Salentino “non c’è alcun disimpegno della Regione Puglia, né spostamento di risorse su altri fronti ed emergenze”. “Parliamo – rileva Turco – di 25 milioni di Fondi Cipe che daranno impulso non solo alla viabilità ma a tutto l’indotto occupazionale in una fase in cui proprio le comunità stanno pagando il prezzo più alto per l’emergenza Covid 19”. (AGI)

Comments are closed.