SPRECO ALIMENTARE, PACINOTTI PROTAGONISTA

Con il progetto pluripremiato "Tesori …nei rifiuti. No allo spreco alimentare"

1.165

Il Pacinotti “ protagonista di un progetto innovativo” sullo spreco alimentare .
Il Dirigente scolastico, Dott. Vito Leopardo nel mese di marzo ha presentato il progetto” Tesori …nei rifiuti. No allo spreco alimentare” vincitore del concorso MIUR “ Piano Nazionale per la promozione dell’educazione alla salute, dell’educazione alimentare e ai corretti stili di vita”.
Il progetto in questione, che è stato avviato già dallo scorso anno scolastico in una classe-pilota, tratta l’importanza e l’urgenza della lotta allo spreco alimentare e pone la scuola in prima linea per la formazione alla cittadinanza attiva e consapevole degli studenti.
Il progetto riesce a dare nuova vita a quei prodotti che scadono, che sono danneggiati, che hanno perso il loro valore di merce. Infatti, con la raccolta e la successiva ridistribuzione di queste derrate alimentari a chi non le ha, il cibo non è più privo di valore, ma diventa dono e strumento di creazione di significative relazioni interpersonali. Inoltre, tutto questo è supportato dalla legge del 19 agosto 2016,n°166 entrata in vigore il 14 settembre 2016 che permette benefici fiscali a chi cede a titolo gratuito prodotti alimentari in corretto stato di conservazione agli indigenti.
Questo meccanismo virtuoso è messo in atto a Taranto dal Pacinotti che mette in collegamento i supermercati che vogliono donare il prodotto con l’associazione no profit Amici di Manaus che lo può ricevere per fornire pasti a persone in condizioni di disagio economico o sociale.
I supermercati ci guadagnano perché non devono sobbarcarsi i costi di trasporto e smaltimento, gli Amici di Manaus perché non devono acquistare la materia prima e possono assicurare alimenti validi e buoni.
Inoltre, L’Istituto Pacinotti svolge così in maniera efficace ed esaustiva il suo ruolo di agenzia formativa sul territorio.
I risultati dell’attività progettuale dello scorso anno scolastico sono stati presentati al 7° Forum Internazionale della Barilla CFN presso l’Università Bocconi di Milano, suscitando l’interesse di esperti e ricercatori.
Oggi il finanziamento del MIUR permette di sviluppare una proposta progettuale più ampia e articolata, coordinata dalla prof.ssa Mariateresa Mascellaro, docente di scienze e biologa nutrizionista. Sono stati selezionati quarantacinque studenti di tutte le seconde classi dell’Istituto che saranno guidati in tutte le fasi del percorso formativo da nove docenti tutor, i professori: Bifulco, Corrado, Guastella, Marino, Martines, Pica, Potenza, Ruggiero, Russo.
Il progetto, che si concluderà il prossimo Dicembre, prevede una prima fase di ricerca e sensibilizzazione al problema, caratterizzata da lezioni laboratoriali.
E’ importante che gli alunni, per diventare poi agenti del cambiamento, debbano essere stimolati a pensare ed essere propensi al cambiamento stesso, modificare il loro atteggiamento e mantenere nel tempo il nuovo comportamento riguardo allo spreco alimentare.
Si continua poi con un’impegnativa fase operativa che consiste nella progettazione di eventi che diano visibilità all’attività per sensibilizzare l’opinione pubblica all’urgente problema dello spreco alimentare e, in attività pratiche capaci di determinare un cambiamento significativo sul territorio, attraverso la collaborazione con la Onlus “Amici di Manaus – Progetto Juntos”, legata all’istituto Pacinotti da un Protocollo d’Intesa stilato per l’occasione.
Sotto la supervisione del Prof. Cosimo Vitti, responsabile dell’Onlus, gli studenti partecipano attivamente alla raccolta e alla distribuzione ai più bisognosi di generi alimentari di prima necessità.
Successivamente i ragazzi con il docente si recano nel supermercato con cui l’Istituto Pacinotti ha stipulato un accordo, raccogliendo le derrate alimentari messe da parte e le portano all’Onlus “Amici di Manaus, dove poi partecipano attivamente alla distribuzione.
Il progetto ha il patrocinio dell’Amministrazione Comunale che ha messo a disposizione degli studenti e dei docenti il mezzo di trasporto per la realizzazione della fase operativa e, della Camera di commercio di Taranto che sarà di supporto quando si creeranno gli eventi rivolti all’esterno.

Il progetto ha vinto il Premio nazionale Vivere a Spreco Zero e il Premio Millennium dalle mani dell’arcivescovo Mons. Filippo Santoro.

Comments are closed.