“SERVE UN TAVOLO TECNICO PER LE PROFESSIONI SANITARIE”

LA RICHIESTA DI QUATTRO ORDINI PROFESSIONALI ALL'ASL

238

Istituire un tavolo tecnico finalizzato alla valorizzazione delle professioni sanitarie soprattutto in un Sito di Interesse Nazionale come Taranto per le note questioni ambientali e sanitarie, questo l’obiettivo di un incontro istituzionale tenutosi presso la direzione dell’Asl Taranto nella mattinata di giovedì 9 novembre. A richiederlo i presidenti di quattro Ordini professionali che hanno avuto modo di confrontarsi sull’argomento con il direttore generale dell’Asl Taranto, Gregorio Colacicco e la Direzione strategica. Alla riunione erano presenti il dott. Pierpaolo Volpe (Professioni Infermieristiche di Taranto), Floriana Trisolini (Professione Ostetrica Taranto), Domenico Avezzano (Tecnici sanitari di radiologia medica e tecniche della riabilitazione e prevenzione di Bari, BAT e Taranto), Marco Cordella e Cosimo Losorbo in rappresentanza dei (Fisioterapisti Bari, BAT e Taranto).
La grave crisi in cui versa il Servizio Sanitario Nazionale impone una modifica dei modelli organizzativi e la valorizzazione delle Professioni sanitarie e di quelle figure decisamente strategiche, tra cui gli infermieri, fondamentali per il corretto esercizio del diritto alla salute individuale e collettiva. Da qui la necessità di accelerare su questo fronte, riconoscendo, tra l’altro, le funzioni specialistiche e le competenze avanzate ai professionisti infermieri.
“Ringrazio il Direttore Generale Colacicco per la celere convocazione avvenuta a pochissime ore dalla nostra richiesta di incontro, segno di grande sensibilità nei confronti delle Professioni sanitarie -dichiara il presidente dell’OPI Taranto, Pierpaolo Volpe-. L’incontro è stato proficuo; abbiamo affrontato a 360 gradi con tutti i Presidenti di Ordine i temi della sanità tarantina e della necessaria valorizzazione delle Professioni sanitarie.
Si è fornita la disponibilità degli Ordini a percorsi formativi mirati da svolgersi nei prossimi mesi in accordo con la Direzione Generale ASL”.
E poi aggiunge. “Gli Ordini hanno rappresentato come Taranto meriti un’attenzione particolare in quanto Sito di Interesse Nazionale per la presenza dell’ex Ilva e del relativo impatto sanitario ed epidemiologico. La ASL di Taranto deve ottenere deroghe all’assunzione di personale proprio per le peculiarità del territorio connesse ai dati epidemiologici e legate alle malattie cronico degenerative quali diabete, malattie respiratorie, cardiovascolari e oncologiche.
Taranto è la città con il più alto tasso standardizzato di prevalenza di diabete e cardiopatia ipertensiva -chiude Volpe- oltre ad avere un elevato numero di pazienti oncologici con conseguente bisogno di attività di prevenzione e screening oncologico”.

 

Comments are closed.