LUMSA, LA CASA DELLE TECNOLOGIE EMERGENTI

NELL'AMBITO DEL PROGETTO CALLIOPE

151

Costruire insieme il futuro ponendo l’innovazione tecnologica al servizio della persona e dell’ambiente. È lo spirito che muove il progetto Calliope di cui il Comune di Taranto è soggetto capofila e che vede il coinvolgimento di una trentina di partner, tra cui la Lumsa. Sabato nella sede jonica dell’università si è svolto un seminario sul tema La Casa delle tecnologie emergenti e l’Empowerment della comunità, organizzato dalla Lumsa di Taranto progetto come di «un fiore all’occhiello per la città di Taranto perché produrrà non solo una mole di informazioni che saranno messe a disposizione di tutti gli attori coinvolti, ma che avrà anche importanti ricadute economiche, dandoci la certezza che stiamo andando verso quel processo di transizione giusta da tutti auspicato». In apertura dei lavori sono intervenuti anche

Al professor Antonio Panico, direttore della sede di Taranto della Lumsa, sono state affidate, invece, le conclusioni.

«La Casa delle tecnologie emergenti è un finanziamento proposto dal Ministero delle imprese e del Made in Italy per avanzare la diffusione delle tecnologie emergenti, che sono appunto il 5G, quindi, i sistemi di comunicazione a banda larga che permettono il collegamento ad altri sistemi molto piccoli ed indipendenti tra loro, il cosiddetto Internet delle cose, e l’intelligenza artificiale. Il Comune di Taranto, grazie al progetto Calliope, si è aggiudicato un finanziamento di oltre 13 milioni di euro per la creazione della Casa delle tecnologie sul One Health che è appunto Calliope».

– Dipartimento GEPLI, inserito nell’ambito del progetto “Calliope – Casa delle Innovazioni per il One Health – CTE Taranto”. L’OMS ha

definito il One Health un approccio per disegnare politiche, normative e ricerche

finalizzate alla prevenzione e alla protezione di un ecosistema globale della salute.

A portare il saluto dell’Amministrazione comunale, l’assessore all’Ambiente Stefania

Fornaro che ha parlato del Carrieri, presidente dell’Edas, e Francesco Riondino, presidente del CSV.

don Giuseppe La Casa delle tecnologie emergenti (CTE) è un centro di ricerca e sperimentazione che

sostiene la creazione di startup e il trasferimento tecnologico verso le piccole e medie

imprese in relazione all’utilizzo di Blockchain, dell’Internet delle cose e

dell’Intelligenza Artificiale.

Il professor Rodolfo Sardone, direttore scientifico di Calliope, ha poi illustrato il

progetto:

La professoressa Marinella Sibilla ha parlato di innovazione sociale e tecnologica come volano di promozione sociale: «L’innovazione tecnologica rappresenta uno strumento fondamentale proprio per cercare di cambiare l’esistente e rinnovare i servizi perché non si tratta solo dell’introduzione di nuovi strumenti, ma di una ridefinizione dell’asset organizzativo dell’intero servizio. Quando parliamo di innovazione dobbiamo parlare di innovazione sostenibile. Facendo, per esempio, riferimento all’innovazione tecnologica chiediamoci: quali ricadute si hanno dal punto di vista etico o sulla privacy?».

La professoressa Ilaria Bortone, parlando delle Case delle tecnologie emergenti come acceleratore innovativo del terzo settore, ha evidenziato che «Queste realtà, che nel sud Italia sono in maggioranza rispetto al centro-nord, possono diventare un vero valore aggiunto in termini di innovazione con un impatto positivo sulla comunità collegandosi ad un discorso di imprenditorialità sociale».

Il professor Giuseppe Campanile si è soffermato sull’impatto sulla governance dello sviluppo locale e sul terzo settore: «Speriamo che la Casa per le tecnologie emergenti possa essere un modello non soltanto di innovazione tecnologica, ma anche di governance per lo sviluppo locale di Taranto, che si riesca a mettere insieme associazioni, imprese e enti pubblici per un nuovo di modello di sviluppo che parta dalle tecnologie e riesca ad arrivare al sociale».

Comments are closed.