E’ DURATO UN’ORA L’INTERROGATORIO DI CAPRISTO

Oggi al Tribunale di Potenza. Il giudice ha già presentato richiesta di pensione

686

È durato poco più  di un’ora, nel palazzo di giustizia di Potenza, l’interrogatorio  di garanzia davanti al gip Antonello Amodeo,  del  Procuratore della Repubblica di Taranto, Carlo Maria Capristo, arrestato e posto ai domiciliari il 19 maggio scorso nell’ambito di un’inchiesta coordinata dalla Procura della Repubblica del capoluogo lucano, competente sui magistrati jonici. Capristo, ha spiegato all’uscita il suo difensore, l’avvocato Angela Pignatari,  “nonostante le compromesse  condizioni di salute ha deciso anche di  non differire l’interrogatorio e di renderlo, fornendo ogni spiegazione ai fatti che gli venivano contestati. Comunque  – ha continuato l’avvocato – anche a causa delle condizioni di salute, ma il tutto è  stato accelerato anche per tutelare l’immagine della Procura, ha già mio tramite, inoltrato domanda di pensione”. Capristo è  accusato in concorso con altre quattro persone, tutte ai domiciliari, di tentata induzione indebita per dare o promettere utilità. I cinque indagati – secondo l’accusa – avrebbero cercato in indurre un pm all’epoca in servizio a Trani, Silvia Curione (attualmente a Bari) ad aggiustare e portare avanti un processo per usura. (AGI)

Comments are closed.