ARPA PUGLIA, “EMISSIONI ODORIGENE, IN CORSO ACCERTAMENTI”

Dopo la lettera del Sindaco Melucci

506

Dopo la lettera di segnalazione del sindaco Rinaldo Melucci sui cattivi odori avvertiti in città nel corso degli ultimi giorni si registra la risposta di Arpa Puglia, che era stata adita dallo stesso primo cittadino.

Di seguito il testo integrale della risposta:

In relazione all’oggetto, si comunica che sono pervenute all’Agenzia alcune segnalazioni inerenti la presenza di odori molesti relative ai giorni 22 e 23 febbraio 2020. Si allega inoltre alla presente, a questo proposito, la comunicazione trasmessa dal Comando dei Vigili del Fuoco di Taranto proprio prot. n. 2416 del 23/02/2020
(prot. ARPA n. 12136 del 24/02/2020).
Si riferisce altresì che dalla rete di monitoraggio della Qualità dell’Aria, in data 21/02/2020, sono stati registrati valori di interesse per il parametro SO2 presso la centralina “Meteo Parchi” (426,2 µg/m3) (internaallo stabilimento ArcelorMittal Spa) e presso la centralina della rete QA “Machiavelli” (369,6 µg/m3)1 .
Inoltre le concentrazioni di SO2 rilevate dai sistemi DOAS (Differential Optical Absorption Spectroscopy) di Meteo-Parchi hanno raggiunto valori di interesse con un picco (> 850 µg/m3) registrato tra le ore 3:00 e 4:00 del 21/02/2020.
A partire dalle ore 11:00 del 20/02/2020 è stato registrato anche un incremento delle concentrazioni di H2S, con valori superiori a 7 µg/m32, presso la centralina Meteo Parchi nonché alle centraline della rete QA Via Archimede-Tamburi e in Via Orsini-Tamburi (prime ore del 21/02/2020).
A riguardo sono in corso gli accertamenti da parte dell’Agenzia per individuare le cause di tali eventi e si comunica che, in considerazione di quanto previsto dai provvedimenti AIA
Al fine di evitare lamentele della popolazione esposta dovute al disturbo olfattivo, le concentrazioni di solfuro di idrogeno non
devono superare 7 µg/m3, con un periodo di mediazione di 30 minuti (WHO Air quality guidelines for Europe, 2nd edition, 2000).
malfunzionamenti ed eventi incidentali, l’Agenzia proporrà ad ISPRA, organo di vigilanza in materia di AIA nazionali, approfondimenti specifici su tali accadimenti.
In merito ai potenziali rischi per la salute dei cittadini, si rappresenta che dette valutazioni non ricadono tra le competenze dirette di ARPA Puglia; l’Agenzia resterà tuttavia a disposizione della ASL di Taranto per il supporto tecnico dovuto su tale aspetto, laddove richiesto.
Si resta a disposizione per eventuali chiarimenti.
Distinti saluti.
Il Direttore f.f. del D.A.P.
dott. Vittorio Esposito

Comments are closed.