OSPEDALE S. CATALDO, INCERTEZZA SU 105 MILIONI PER ATTREZZATURE

LA CONSEGNA SLITTA AL 18 NOVEMBRE

548

Slitta al 18 novembre 2022 il termine per l’ultimazione dei lavori del nuovo ospedale San Cataldo di Taranto, previsto per il 10 agosto prossimo. E’ quanto emerso durante le audizioni in I commissione del Consiglio regionale pugliese, come riporta una nota dell’ufficio stampa. Secondo quanto sarebbe emerso, i lavori sono al 73% di avanzamenti, ma c’è una interruzione per quanto riguarda i quadri elettrici e i trasformatori per mancanza di materiale. Non c’è, però, alcuna certezza sui 105 milioni di euro che servono per acquistare arredi e attrezzatura: la Regione attende che il governo nazionale emetta il decreto di assegnazione delle risorse a valere dei Fondi europei. Per quanto riguarda invece il nuovo ospedale di Andria è stata individuata la disponibilità di ulteriori 150 milioni per realizzare l’opera, che si aggiungono ai 138 milioni già stanziati.

“Mi auguro che questo ulteriore rinvio sul termine dei lavori – osserva il consigliere regionale Vincenzo Di Gregorio (Pd) – sia davvero l’ultimo. Taranto ha una situazione sanitaria molto grave, soffre una carenza infrastrutturale che penalizza i cittadini: lunghe attese per prestazioni e visite, reparti ospedalieri insufficienti quando non del tutto assenti, carenza di personale sono, purtroppo, all’ordine del giorno”. A determinare il nuovo slittamento sono stati una serie di fattori tra cui il Covid e la difficoltà di approvvigionamento di materie prime e apparecchiature a causa della guerra in Ucraina. “Stamattina – aggiunge Di Gregorio – abbiamo appreso che questa situazione riguarda anche le forniture di tubi in acciaio. Mi sembra paradossale vista la presenza a Taranto della più grande acciaieria d’Europa”. Secondo il consigliere regionale di Forza Italia, Vito De Palma, si tratta del “solito fumo negli occhi dei cittadini, lanciato dal centrosinistra prima delle elezioni che poi si rivela per ciò che è: una bugia. Se, infatti, entro il 30 giugno la Giunta regionale prometteva lo stanziamento dei 105 milioni di euro per gli impianti e le strumentazioni diagnostiche dell’ospedale San Cataldo di Taranto, oggi non si ha la minima contezza dei tempi necessari e neppure da dove verranno reperite le risorse”. Su proposta del presidente della Commissione Bilancio, Fabiano Amati (Pd), saranno valutate soluzioni alternative (ad esempio anticipazioni e obbligazioni), per accelerare l’iter dei bandi. L’esito di tale verifica sarà illustrato nella prossima seduta della Commissione in programma lunedì 11 luglio. (ANSA).

Comments are closed.