ORDINE AVVOCATI, IL VERDETTO DELLA CASSAZIONE

Sull'elezione di Moretti. La nota degli avvocati Nastri e Lerario

361

Riceviamo e pubblichiamo integralmente una nota degli avvocati Nastri e Lerario sulla questione Ordine degli Avvocati. 

Dopo circa sei mesi dal pronunciamento delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione,  il CNF  recepisce il principio di diritto espresso dalla Suprema Corte e annulla l’elezione dell’avv. Fedele Moretti, che, malgrado la pronuncia della Cassazione dello scorso marzo non lasciasse spazio a discrezionalità, ha deciso di resistere anche nel procedimento di rinvio dinanzi al Consiglio Nazionale Forense.
Sono stati due anni e mezzo intensi: una vicenda giudiziaria che ha portato la questione dell’eleggibilità dell’avv. Moretti (e di molti altri Consiglieri eletti in vari Ordini del Paese) fino alle Sezioni Unite.  Le norme in tema di elezioni forensi, alla fine, sono state chiarite in tutta la loro evidente portata, anche in sede nazionale, grazie ai ricorsi presentati (unitamente ad altri 19 Avvocati) dall’avv. Mirella Casiello, Consigliere dell’Ordine di Taranto e Presidente di Libra Avvocati.
A nulla è valso spostare la data delle elezioni nel 2019, i consiglieri che hanno alle spalle già due consiliature (anche se non complete) non possono ricandidarsi:  possiamo dire  di essere soddisfatti del risultato raggiunto.
L’auspicio è che l’avv. Moretti lasci subito il Consiglio e si possa finalmente voltare pagina: l’Avvocatura jonica aveva ed ha diritto di avere un presidente eletto nel pieno rispetto della Legge vigente.
                                            Avv. Fabrizio Nastri                 avv. Filippo Lerario

Comments are closed.