MEDICO MUORE D’INFARTO MENTRE VISITA IN CORSIA

E' AVVENUTO ALL'OSPEDALE GIANNUZZI DI MANDURIA

1.215

Dramma questa mattina all’ospedale Giannuzzi di Manduria (Taranto). Un medico in servizio al reparto di Medicina, Giovanni Buccoliero di 59 anni, è morto dopo essere stato colto da infarto mentre svolgeva una visita. Sono risultati inutili i tentativi per rianimarlo da parte del personale sanitario presente. Il medico lascia la moglie e tre figli. Per il capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo, “c’è un’oggettiva carenza di medici ma è altresì oggettiva la carenza di modelli organizzativi adeguati in questa Sanità di Emiliano. È sconcertante l’ipotesi avanzata secondo la quale la morte del collega medico possa essere collegata allo stress correlato al lavoro. Sconcertante sì, ma resta un’ipotesi plausibile se è vero che il collega era al lavoro da 24 ore”. La sanità tarantina, commenta il segretario territoriale della Cgil Paolo Peluso, “è al collasso e la tragica scomparsa di un medico, colpito da infarto mentre era addirittura in servizio all’ospedale di Manduria, conferisce ancora più assurda e insensata violenza ad uno scenario da conflitto bellico”. Secondo il sindacalista, “i medici al fronte nei difficili anni della pandemia, oggi allo stremo delle loro forze, pagano ancora con la vita, e con la compressione dei loro diritti una politica scellerata di tagli e precariato in sanità”. (ANSA).

Immediate le altre reazioni di sconcerto e dolore.

Apprendo con profonda commozione della scomparsa del giovane e stimatissimo collega dott. Giovanni Buccoliero, notizia ancora più sconvolgente per il contesto in cui la sua vita si è improvvisamente spenta. Medico sino ai suoi ultimi istanti, persona mite e gentile nel ricordo dei tanti amici e colleghi che oggi con tristezza lo piangono, lascia a noi tutti un esempio di grande professionalità ma anche un monito a riflettere sulle condizioni difficili in cui di questi tempi, ovunque e a qualsiasi livello, si svolge il nostro lavoro. Ai suoi famigliari giunga l’abbraccio affettuoso dell’intera comunità medica della provincia di Taranto.
Dottor Cosimo Nume
Presidente OMCeO Taranto

La UIL FPL di Taranto apprende con sgomento quanto accaduto nel Presidio Ospedaliero di Manduria dove un Medico, un Professionista, un Collega esemplare, è venuto a mancare improvvisamente in servizio dopo un turno estenuante di lavoro di 24 ore.

Appreso l’acceduto abbiamo immediatamente formalizzato una richiesta di incontro al Direttore Generale della ASL Taranto sulle condizioni di lavoro e sui turni di servizio del personale del Comparto e della Dirigenza Sanitaria.

Comments are closed.