FAVORI’ LA FUGA DI MIGRANTI ALL’HOT SPOT DI TARANTO: ARRESTATO

Identificato dalla squadra Mobile e dalla Digos un cittadino pakistano

212

Il personale della Squadra Mobile e della Digos, al termine di rapide indagini, ha identificato un giovane di origine pakistana di 24 anni che lo scorso 8 dicembre, impugnando un idrante, impedì alle Forze di Polizia di avvicinarsi alla recinzione dell’Hot Spot, favorendo di fatto la fuga di 16 ospiti del Centro.

Quest’ultimo, ospite dall’ottobre scorso all’interno della struttura d’accoglienza di Taranto, insieme ad altri profughi, sin dalle prime ore del pomeriggio di quell’8 novembre, aveva iniziato a protestare in maniera decisa per il ritardo – a loro dire – di  alcune procedure d’identificazione.

Le rimostranze protratte fino a sera avevano poi avuto un’improvvisa accelerazione quando circa una ventina di ospiti erano riusciti a piegare la recinzione perimetrale della struttura con l’intenzione di scappare.

L’intervento delle Forze di Polizia impegnate nei servizi di vigilanza volto ad impedire la fuga fu ostacolato in maniera sostanziale dal 24enne pakistano che, impugnando l’idrante del sistema antincendio, ha gettato il violento getto d’acqua contro i poliziotti.

Le indagini congiunte di Squadra Mobile e Digos, coadiuvate dall’attenta analisi delle immagini di video sorveglianza presenti all’interno ed all’esterno del Centro, nonché dalla collaborazione del personale in servizio all’Hot Spot hanno pian paino fatto stringere il cerchio sul responsabile del gesto, il quale nelle more era stato trasferito presso un altro centro di accoglienza.

Così, lo stesso è stato così arrestato per resistenza aggravata a pubblico ufficiale e danneggiamento ed accompagno presso la Casa Circondariale di Lecce.

 

Comments are closed.