EMILIANO NOMINA PALESE ALLA SANITA’ E LOPANE AL TURISMO. AMATI (PD) INSORGE

A Grazia Di Bari le Politiche Culturali, Note di Lega, Forza Italia,, Lacarra (Pd) e Articolo 1

527

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha nominato due nuovi componenti della Giunta: Rocco Palese con delega alla “Sanità, Benessere animale, Controlli Interni, Controlli connessi alla gestione emergenza COVID-19” e Gianfranco Lopane con delega al “Turismo, Sviluppo e impresa turistica”.

Inoltre il presidente ha nominato la consigliera regionale Grazia Di Bari, Consigliera delegata per le politiche culturali, il patrimonio materiale e immateriale e la valorizzazione dei borghi.

“Esperienza, conoscenza  del territorio, capacità di ascolto e coinvolgimento di tutte le componenti sociali, sindacali e politiche per realizzare il nostro programma di governo e perseguire il bene comune: sono queste le ragioni alla base del conferimento delle nuove deleghe. I miei auguri di buon lavoro ai due nuovi assessori e alla consigliera” dichiara il presidente Emiliano.

La Consigliera delegata, per l’esecuzione dell’incarico, potrà avvalersi dei mezzi e delle competenze di ARTI Puglia, Fondazione Apulia Film Commission, del Dipartimento Turismo, Economia della cultura e valorizzazione del territorio, nonché della collaborazione, per quanto possa occorrere, degli altri Dipartimenti e Agenzie della Regione Puglia, con potere di organizzare e porre in essere quanto alla stessa demandata mediante specifici gruppi di lavoro.

Amati: “Il PD decida l’appoggio esterno dopo la nomina di Palese, il magnate del TFM e coautore del Piano ospedaliero di Fitto”*

Dichiarazione del consigliere regionale del Partito Democratico Fabiano Amati. 

“Il PD dovrebbe valutare l’appoggio esterno nonché il ritiro degli assessori. È questa la proposta che formulo al Gruppo cui appartengo e in coerenza con la contrarietà a questo epilogo espressa ripetutamente dal segretario regionale Lacarra.

Non si può accettare che la Giunta o le deleghe consiliari divengano un luogo per giochi di società, dove il tutto è finalizzato a creare sempre nuovi equilibri di potere e senza alcun interesse per le decisioni da assumere, per cui finisce per diventare addirittura salvifico il fatto che Rocco Palese, il magnate del Trattamento di fine rapporto e coautore del Piano ospedaliero di Fitto, diventi assessore alla sanità.

Il PD non può partecipare a questo gioco: è una questione di realismo.

Sarebbe dunque il caso di prendere le distanze da questi giochi di società e continuare a occuparsi di liste d’attesa, screening seno-colon-collo dell’utero, genetica, costruzione degli ospedali nuovi, ospedali di comunità, sedute aggiuntive di sala operatoria, piano casa, fonti rinnovabili, crisi industriali e infine, ma non per ultimo, la moralizzazione degli apparati amministrativi della Regione”.

NOMINA PALESE, FORZA ITALIA PUGLIA: “NON È DI FI. PD E CENTROSINISTRA A CORTO DI COMPETENZA?”

Nota del commissario regionale di Forza Italia, l’on Mauro D’Attis, e del vice commissario, il sen Dario Damiani.

“La nomina di Palese nella Giunta pugliese non è frutto di un accordo con Forza Italia.

Palese non era già in Forza Italia da parecchio: infatti, alle scorse elezioni regionali ha sostenuto Delli Noci a Lecce ed Emiliano.

Non giudichiamo le scelte personali né le persone, ma non possiamo fare a meno di constatare che, evidentemente, nel centrosinistra si siano “vaporizzate” le competenze: se Emiliano è costretto a pescare dal bacino degli ex centrodestra per trovare persone in grado di gestire gli assessorati, è chiaro che fatichi a trovarle nel perimetro del Pd e della sua coalizione.

Palese, peraltro, è stato il principale fautore del piano di riordino ospedaliero di Fitto, tanto contestato dal centrosinistra e da Emiliano in tutte le sue campagne elettorali.

È evidente che c’è un tema di posizione politica attuale rispetto a quanto ognuno di loro (Emiliano e Palese) ha sostenuto in passato: uno dei due dovrá smentire se stesso.

Per il resto, Forza Italia in Puglia resta opposizione matura, costruttiva e non urlata nell’esclusivo interesse dei cittadini”.

“Rocco Palese è stato il principale protagonista, ispiratore ed esecutore del piano sanitario del 2004 della giunta Fitto, quindi la sua nomina ad assessore alla sanità per il centrosinistra evidenzia un netto cambio di strategia di Emiliano sulla sanità pugliese, con nuove chiusure di ospedali e tagli al personale. Forse un po’ di tagli sono necessari nella gestione di Emiliano, ma non sicuramente sulla sanità che va potenziata ed efficientata”.

Tanto dichiarano Roberto Marti, Commissario della Lega Puglia e Davide Bellomo, Capogruppo della Lega in Regione Puglia.

PALESE ASSESSORE, LACARRA (PD): RISPETTO PER LE SCELTE DEL PRESIDENTE, MA NECESSARIO UN APPROFONDIMENTO

3 febbraio 2022 – “Il Partito Democratico è da sempre il primo sostenitore del Presidente Emiliano e, qualche volta anche con spirito critico, ma sempre costruttivo, ne ha condiviso la linea in modo generoso, tanto da essere stato il perno della coalizione che ne ha permesso la rielezione nel 2020.” Lo afferma il Segretario del PD Puglia On. Marco Lacarra.

“Comprendiamo la sua buona fede nell’indicazione di Rocco Palese per l’incarico di Assessore regionale con delega a sanità e controlli interni, come espressione di competenza e impegno, ma gran parte dell’esperienza da lui maturata negli ultimi 20 anni si è però consumata nel campo del centrodestra. Resta vivo il ricordo della battaglia durissima che si consumò alle elezioni regionali del 2010 e che lo vide avversario di Nichi Vendola. L’indicazione di Rocco Palese non può quindi non creare imbarazzo e turbamento a chi, anche nel nome di Emiliano, lo ha fortemente avversato sul territorio ricordandogli le notevoli falle nella gestione del bilancio e della sanità che hanno caratterizzato l’era Fitto. Una stagione, quella, improntata a una visione nettamente opposta rispetto a quella dell’amministrazione Emiliano. 

Fermo restando il rispetto per le scelte del Presidente, che gode del pieno diritto di individuare figure di sua fiducia nella composizione della Giunta, il Partito Democratico, pur informato preventivamente di questa decisione, ritiene necessario un approfondimento della situazione politica che coinvolga i rappresentanti istituzionali del territorio, affinché, attraverso un confronto franco con il Presidente, si possano mettere a fuoco gli obiettivi che il governo regionale intende raggiungere e la rotta che si propone di seguire per tenere fede, pur nella consapevolezza di un quadro politico nazionale in continua evoluzione, al patto stretto con le forze politiche e con i pugliesi alla vigilia delle elezioni del 2020”.

Nomina Palese, Articolo Uno Puglia: ” Atto politico che rischia di portarci indietro di vent’anni”

La notizia della nomina, da parte del Presidente Emiliano, di Rocco Palese alla guida della sanità pugliese spinge ad una serie di riflessioni.
Certamente la storia politica di Palese non aiuta le forze democratiche e progressiste pugliesi ad accettare “senza eccezioni” la sua nomina ad Assessore della Giunta regionale.
E tale scelta, compiuta da parte di Emiliano, interroga l’intera maggioranza del centrosinistra pugliese sulla tensione politica e riformista dell’azione di governo della Regione Puglia.
Per questo è necessario aprire una discussione pubblica sul prosieguo della legislatura, tenendo fermi i “capisaldi” dell’agenda politica che consentono alle forze del centrosinistra pugliese di essere, da oltre 15 anni, alla guida di una delle regioni più importanti del Mezzogiorno italiano.
È opportuno rilanciare sul piano politico, civile e culturale il “patto” che il campo democratico e progressista ha sottoscritto con i pugliesi, il cui fondamento è quel patrimonio di idee, principi e valori che hanno animato, e tuttora devono animare, la cosiddetta “Primavera pugliese”.
Oggi, con la nomina di Palese ad Assessore alla Sanità, si rischia di compiere un atto politico che rischia di portarci indietro di vent’anni.
Per questo serve, ora, una grande mobilitazione da parte di tutte le forze politiche di centrosinistra e dei consiglieri regionali, per ristabilire nuovamente l’asse riformatrice del governo regionale, rimettendo al centro i temi del progresso e del lavoro, dell’uguaglianza e della giustizia sociale, dell’ambiente e del paesaggio.
Noi, oggi più che mai, siamo convinti che dall’attuale emergenza sanitaria e sociale, l’unica via d’uscita sia “a sinistra”, seguendo l’agenda imposta dal Ministro Speranza: potenziamento della sanità pubblica attraverso la costruzione di nuovi plessi, la implementazione della rete di diagnostica per immagini e il potenziamento della medicina territoriale.

Bari, 3 febbraio 2022                     Segreteria regionale
Articolo Uno Puglia

Comments are closed.