PRESENTATA LA RETE DELL’AUTOTRASPORTO DI CASARTIGIANI TARANTO

REGISTRATA PRESSO LA CAMERA DI COMMERCIO. STAMATTINA LA PRESENTAZIONE

229
È stata presentata ufficialmente la rete dell’autotrasporto di Cas­artigiani Taranto, il più gra­nde soggetto di rapp­resentanza unitario delle imprese dell’a­utotrasporto della provincia di Taranto.
Un risultato importante frutto della condivisione di intenti tra le impre­se e i consorzi del settore trasporto e logistica, ora riunite sotto un’­unica sigla associat­iva, il cui unico obiettivo è la crescita collettiva delle aziende e lo sviluppo del territorio.
All’incontro con la stampa hanno partecipato il coordinatore regionale di Casar­tigiani Puglia Stef­ano Castronuovo, il direttore di Casartigiani Taranto Rosita Giaracuni e i rappresentanti delle singole aziende partecipanti alla rete dell’autotrasporto.
«Il contratto di rete è normato dalla legge italiana ed è registrato presso la Camera di Commercio. Ha quindi una formalità giuridica importante. – ha spiegato Castronuovo- Abbiamo dato vita ad un soggetto unico che avesse i numeri per avere le stesse regole di mercato e un potere contrattuale forte con le grosse committenze e con i fornitori. Il settore dell’autotrasporto e tutto il suo indotto sono sempre stati poco considerati in questo territorio, motivo per cui, a differenza delle altre organizzazioni abbiamo cercato di fare qualcosa di concreto per difendere le nostre aziende. Ringraziamo perciò quanti hanno contribuito al raggiungimento di questo risultato».
La rete dell’autotrasporto conta già numeri importanti: comprende infatti al suo interno 14 imprese, 56 dipendenti e 225 autonomi.
Con la sua costituzione le parti si impegnano a collaborare e a sc­ambiarsi informazioni o prestazioni di natura industriale, commerciale, tecnica o tecnologica e anco­ra, ad esercitare in comune una o più at­tività rientranti ne­ll’oggetto della pro­pria impresa al fine di garantire un pie­no sviluppo delle re­altà imprenditoriali nel settore delle attività di trasporto, logistica, moviment­azione merci, distri­buzione, spedizione, nonché servizi ammi­nistrativi relativi a tali attività.
«Siamo contenti di aver messo insieme soggetti di diversa provenienza ma che d’ora in poi avranno la stessa importanza. – ha commentato Giacinto Fallone, in rappresentanza delle imprese aderenti alla rete – Decideremo insieme come lavorare, offrendo i nostri servizi col solo scopo di risollevare il conto economico delle nostre aziende. È un grande traguardo per le imprese che soffrono da troppo tempo ma che finalmente adesso saranno rappresentate adeguatamente ai tavoli che contano. Il nostro lavoro verrà finalmente rispettato».
Qualche altro numero: 20 autotreni; 37 autoarticolati; 11 motrici a 3 assi; 12 motrici a 4 assi; 13 rimorchi; 8 carrelli elevatori; 123 cisterne; 5 mega trailer; 5 rimorchi furgonati; 8 rimorchi telonati; 21 rimorchi aperti; 10 rimorchi refrigerati; 5 carrelloni; 3 pianali mobili; 4 escavatori; 2 rulli; 281 trattori stradali.

Comments are closed.