LAMORGESE: “A FOGGIA LO STATO SARA’ FORTE E COMPATTO”

L'INTERVENTO DEL MINISTRO DOPO LE BOMBE IN CAPITANATA

347

“Lo Stato fa sentire la sua presenza in maniera forte e compatta. Noi amplieremo gli organici, daremo massima attenzione agli organici di questo territorio. C’è bisogno di un intervento strutturato e forte ricorrendo ai rinforzi del reparto prevenzione crimine della polizia di Stato per il controllo integrato del territorio. Occorre un intervento strutturale che possa garantire un’efficace risposta a fenomenologie criminali di questo territorio”. Lo ha detto la ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, a Foggia al termine del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica dopo gli attentati dei giorni scorsi ai danni di commercianti e imprenditori. “Negli ultimi tempi – ha ricordato il ministro – ci sono state 400 misure cautelari, sequestri e confische di patrimoni per oltre 30 milioni di euro”. Secondo la ministra, fondamentali nel territorio foggiano saranno i “sistemi di videosorveglianza ad alta definizione e su questa questione sono stati stanziati fondi ad hoc per 80 milioni di euro”. Lamorgese ha precisato che “il comune di Foggia ha presentato un progetto di circa un milione di euro”. “Vorrei ricordare – ha rilevato – il progetto della cittadella della sicurezza, che è davvero importante. Il progetto sta andando avanti da tanto. Anche il comune di San Severo ha presentato un progetto per la videosorveglianza da 430mila euro e a breve sarà formalizzata la graduatoria. L’attenzione è massima”. Per il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, nel Foggiano c’è difficoltà a “convincere le persone a denunciare: la paura non deve condizionarci nelle scelte, bisogna stare dalla parte dello Stato. Il compito delle associazioni è anche quello di dare una mano per far capire che la denuncia significa essere dalla parte del giusto, dalla parte dello Stato”. Lamorgese lo ha detto parlando con i giornalisti al termine del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è tenuto oggi a Foggia dopo gli attentati dei giorni scorsi a commercianti e imprenditori. Nel 2021 – ha ricordato il responsabile del Viminale – ci sono state 13 interdittive antimafia. “I dati sulla criminalità nel Foggiano vedono una diminuzione dei reati dello 0,9% – ha sopttolineato -. Quelli rilevanti riguardano l’usura con un +33% in tutta la provincia, ma su Foggia città c’è un solo caso. Per quanto riguarda le estorsioni registriamo una flessione del 30,8%: cioè 110 casi nel 2021 rispetto ai 159 del 2020”. (ANSA)

Fontana (Confindustria Puglia): “Dobbiamo uscirne tutti insieme”

“Dalla morsa della criminalità organizzata si può uscire solo lavorando insieme: gli imprenditori devono denunciare e, in collaborazione con lo Stato, contribuire a contrastare questo inaccettabile fenomeno. Un plauso va rivolto alle Forze dell’Ordine e alla Magistratura per la tenace lotta che stanno conducendo con risultati particolarmente significativi sul nostro territorio regionale”.
Ne è convinto il Presidente di Confindustria Puglia Sergio Fontana che ha partecipato oggi a Foggia al maxi vertice sull’ordine e la sicurezza pubblica alla presenza della ministra dell’Interno Luciana Lamorgese.
“Non si deve cedere a nessuna forma di ricatto – stigmatizza il Presidente Fontana. Confindustria ha fatto della legalità un punto prioritario del suo programma per dare il proprio contributo al contrasto di tutte quelle forme di illegalità che minacciano ed alterano la libertà d’impresa. L’impegno di Confindustria contro la malavita è stato davvero rilevante negli ultimi anni: costituendoci Parte civile in tutti i processi che hanno riguardato imprese associate e collaborando con le Forze dell’Ordine, abbiamo sostenuto numerosi imprenditori nello sforzo coraggioso di denunciare le estorsioni e il racket, ottenendo anche diverse sentenze di condanna.
Ringrazio la ministra Lamorgese e il Governo per la sua vicinanza al nostro territorio e alla città di Foggia, in particolare, che negli ultimi anni è nel mirino della criminalità”.


Comments are closed.