BENI DELLA MAFIA RESTITUITI ALL’USO PUBBLICO

CON IL PROGETTO LEILA

248

Alcuni locali in via Friuli, nella semiperiferia di Taranto, confiscati alla mafia, sono stati restituiti ad uso pubblico grazie al progetto “Leila”, finanziato dalla Regione Puglia e dal Fondo sociale europeo nell’ambito dell’avviso pubblico “Cantieri Innovativi di Antimafia Sociale”, asse prioritario IX, con una iniziativa della quale il Comune di Taranto è capofila. “I locali sono stati ripristinati grazie alla collaborazione tra le direzioni Patrimonio e Servizi Sociali – spiega l’assessore comunale al Welfare, Gabriella Ficocelli – e saranno arredati per ospitare le attività del progetto. Nel centro, bambini e giovani potranno partecipare attivamente a laboratori artigianali e artistico-culturali, gli adulti, invece, potranno rivolgersi per ogni bisogno allo sportello di ascolto. Le attività saranno realizzate dai partner di progetto cooperativa “Esperia 2000”, liceo “Vittorino da Feltre” e le associazioni “T.R.O.I.S.I. Project” e “Homines Novi” “. L’assessore comunale al Patrimonio, Francesca Viggiano, ha già consegnato all’assessore Ficocelli le chiavi della struttura per consentire il processo di rigenerazione sociale e urbana della struttura. “Col sindaco Rinaldo Melucci come amministrazione comunale di Taranto siamo orgogliosi di aver restituito alla città uno spazio che possa rispondere ai bisogni della cittadinanza – rileva Ficocelli -. In particolare ai bisogni delle fasce più deboli con servizi pensati per loro. Recuperare un bene confiscato alla mafia e metterlo a disposizione della cittadinanza – conclude – è un’azione simbolica che definisce il valore di una società che contrasta gli ideali trasmessi dalla criminalità organizzata, restituendo diritti e autonomia ai cittadini”. (AGI)

Comments are closed.