WE CARE, DUE INIZIATIVE DELLA CITTA’ CHE VOGLIAMO

Di Domenico e Giudetti ospiti dell'associazione fondata da Gianni Liviano

760

Si profila un fine settimana di appuntamenti interessanti per il consigliere regionale Gianni Liviano e l’associazione “Le città che vogliamo”. Nell’ambito del progetto “We care – I cantieri dell’impegno”, infatti, sono in programma due iniziative.

Si comincia venerdì 16 febbraio, quando, alle ore 20, nella sede di via Fiume 12 dell’associazione “Le città che vogliamo”, l’attore Christian Di Domenico porterà in scena “Mio fratello rincorre i dinosauri” (costo 5 euro, prenotazioni fino esaurimento posti al 3484680830), tratto dall’omonimo romanzo di Giacomo Mazzariol, per la regia di Andrea Brunello.

Giacomo e Giovanni sono fratelli. Giovanni ha un cromosoma in più. Giacomo gli vuole bene ma… come è difficile crescere con un fratello down! “Mio fratello rincorre i dinosauri” è questo: la storia di come Giacomo impara a convivere con il cromosoma in più di Giovanni e nel farlo anche noi spettatori siamo trascinati dentro una vicenda umana complessa ma meravigliosa. L’amore vincerà alla fine?

Christian Di Domenico ha voluto raccontare questa storia dopo aver letto l’omonimo libro di Giacomo Mazzariol, best seller Einaudi. Perché Christian è padre e anche lui, come tutti coloro che hanno figli, si sono chiesti un giorno: “e se mio figlio nascesse con un cromosoma in più?”.

Questo spettacolo non dà risposte ma apre e affronta il tema della durabilità con delicatezza e con candore, con simpatia, senso dell’umorismo ma, anche, con la consapevolezza che avere un figlio down può diventare un problema.

Non meno interessante è il secondo appuntamento, sempre venerdì 16 febbraio questa volta, però, di mattina. Dalle ore 10 alle ore 12, nella ex sala Biblioteca dell’amministrazione provinciale, in via Anfiteatro (ingresso Lungomare), Gennaro Giudetti, ventiseienne tarantino volontario della Ong “Sea watch”, sarà ospite del consigliere regionale Gianni Liviano e dell’associazione “Le città che vogliamo” e incontrerà,  oltre a quanti fossero interessati alla tematica, sempre più attuale e drammatica, dell’immigrazione e dei continui sbarchi di profughi sulle coste italiane, alcune classi degli istituti superiori di secondo grado di Taranto.

Gennaro Giudetti , infatti, è stato tra coloro che ha partecipato in prima persona al recupero, salvandole da morte certa, di decine di persone vittime del naufragio verificatosi nelle acque del Mediterraneo lo scorso 6 novembre 2017.

“Questi incontri, cui ne faranno seguito molti altri, – spiega Gianni Liviano  – sono finalizzati a presentare ai giovani, e non solo a loro, modelli positivi di Impegno. L’obiettivo del percorso, infatti, – conclude Liviano –  è stimolare i ragazzi a diventare protagonisti, ad avvertire l’appartenenza verso la comunità, a sentirsi parte di un “Noi” e ad alimentare la capacità di sognare e di voler diventare strumenti importanti per costruire il bene comune”.

Comments are closed.