USB, ESPOSTO SU POLVERI E AGENTI PATOGENI ALL’EX ILVA

ANNUNCIATO UN ESPOSTO

91

“Le polveri e gli agenti patogeni che si accumulano nelle strade interne allo stabilimento Acciaierie d’Italia di Taranto potrebbero rappresentare un pericolo, in particolar modo in alcune zone come le aree a caldo. Nonostante ciò, pur avendo segnalato una simile problematica, l’azienda continua la sua latitanza e i lavoratori continuano ad essere esposti”. Lo sottolinea il coordinamento Usb di Taranto annunciando un esposto e una richiesta di intervento allo Spesal, Servizio di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro dell’Asl, “per la tutela e la sicurezza dei dipendenti”. Dopo aver “cercato di ottenere risposte da parte dell’azienda – osserva il sindacato – su una problematica di sicurezza legata alla bagnatura delle strade e all’inefficienza dei mezzi di trasporto interni, sprovvisti di aria condizionata, purtroppo siamo costretti a chiedere interventi dall’esterno, perché ci troviamo di fronte ad un datore di lavoro che ignora le segnalazioni, anche se le stesse mettono a serio rischio la salute e la sicurezza dei propri dipendenti”. Secondo l’Unione sindacale di base “gravissimo è l’atteggiamento assunto da un’azienda che nelle scorse settimane è stata destinataria dell’ennesimo atto di fiducia da parte dello Stato, attraverso un cospicuo aiuto economico, dimostrandosi inadeguata a gestire lo stabilimento”.

Comments are closed.