UCCISA IN CASA DAL MARITO. “COLPO PARTITO ACCIDENTALMENTE”

Alle porte di Ostuni la tragedia, fermato l'uomo dalla Polizia di Stato

244

E’ rimasta uccisa da un colpo di pistola partito dall’arma che il marito stava maneggiando: probabilmente si è trattato di un tragico incidente. Giovanna De Pasquale, 46 anni, è stata raggiunta dal proiettile che le ha trapassato un braccio e si è conficcato nel torace, uccidendola all’istante. Il marito, Francesco Semerano, 56 anni, titolare di un’impresa di autospurghi, è stato fermato per il momento solo per il possesso della pistola, detenuta illegalmente.
La tragedia è avvenuta nella tarda serata di giovedì 9 gennaio scorso in una villa di contrada Malandrino, alle porte di Ostuni, sulla via che porta a Villanova.
Secondo quanto raccontato dal marito, mentre stava pulendo l’arma è partito accidentalmente un colpo che ha raggiunto la moglie distante pochi metri. Inutile ogni tentativo di soccorso.
E’ stato lo stesso Semerano a chiamare la polizia. Sul posto sono intervenuti gli uomini del commissariato di Ostuni e della squadra mobile di Brindisi, oltre alla polizia scientifica per i rilievi tecnici.
Il corpo di Giovanna De Pasquale è stato trasferito in attesa dell’esame autoptico presso il cimitero comunale di Ostuni. Francesco Semerano – persona già nota alle forze dell’ordine – è stato tratto in arresto per la detenzione illecita dell’arma.
Saranno l’esame necroscopico e la perizia balistica a determinare se la ricostruzione dei fatti fornita dall’uomo può essere considerata attendibile.
Intanto all’esterno della villa, una grave aggressione è stata compiuta da un gruppo di persone – sembra parenti dello stesso Semerano – ai danni di un giornalista del quotidiano on line Brindisi Report giunto sul posto per documentare la tragedia. Il cronista è stato colpito con calci e pugni: soccorso dalla polizia, è stato trasportato all’ospedale di Ostuni dove è stato medicato dai sanitari.

(Fonte: senzacolonnenews.it)

 

Comments are closed.