TURCO: “PARLIAMO CON TUTTI MA PARTIAMO DAI PROGRESSISTI”

IL VICE PRESIDENTE DEL MOVIMENTO 5 STELLE CHIARISCE LA STRATEGIA

292

In vista delle elezioni comunali di Taranto della prossima primavera, il Movimento Cinque Stelle ha deciso “di aprire un tavolo permanente di discussione sulle prossime elezioni amministrative e di iniziare una fase di interlocuzione con tutte le forze politiche e civiche, privilegiando quelle del fronte progressista, al fine di individuare le strategie più opportune per il perseguimento dei principi e dei valori del Movimento 5 Stelle”. É quanto emerso in una riunione svoltasi nelle ultime ore tra il vice presidente M5S, Mario Turco, giá sottosegretario alla presidenza del Consiglio nel Governo Conte II, i parlamentari Gianpaolo Cassese e Leonardo Donno, il consigliere regionale Marco Galante, il sindaco di Ginosa e consigliere provinciale di Taranto, Vito Parisi, e i consiglieri comunali della provincia di Taranto. “L’assemblea – si afferma – ha condiviso le cinque linee guida, proposte dal vicepresidente Turco per valutare eventuali alleanze elettorali: tutela dell’ambiente e della salute; riconversione economica, sociale e culturale del territorio; rispetto del codice etico nella scelta dei candidati; necessità di migliorare la classe dirigente; garantire stabilità ai governi cittadini”. “Il Tavolo permanente, aperto alla cittadinanza – si rileva -, continuerà a riunirsi anche per la redazione di un programma partecipato nell’interesse esclusivo dei cittadini e della tutela del bene comune”. All’AGI Mario Turco afferma che “inizierò lunedí stesso il confronto con le forze politiche e gli schieramenti civici del fronte progressista che incontrerò ad una ad una. Ci sarà anche un passaggio con le civiche che si richiamano al cartello Patto per Taranto – dice Turco a proposito dei competitori del centrosinistra – ma è chiaro sin d’ora che comunque privilegiamo l’area progressista e che punti fondamentali per noi restano le linee guida che abbiamo approvato e dalle quali non ci discostiamo di certo”. M5S dovrebbe andare nell’alleanza di centrosinistra più civiche che è già in campo da alcune settimane, dopo lo scioglimento anticipato del Consiglio comunale di Taranto per le dimissioni contestuali di 17 consiglieri su 32, tra maggioranza e opposizione, anche se al momento restano da valutare forme e modi. Alleanza di centrosinistra e civiche che porta avanti la ricandidatura per un secondo mandato del sindaco uscente Rinaldo Melucci del Pd, che era a capo di una giunta di centrosinistra. Melucci è sostenuto tra l’altro dai vertici nazionali Dem e dal governatore regionale pugliese Michele Emiliano. Ieri c’é stata una nuova riunione del tavolo del centrosinistra e civiche con Nicola Oddati della direzione nazionale Pd. Giá nelle scorse settimane, per le elezioni provinciali, Pd, M5S e centrosinistra hanno formato un’alleanza e quindi lo stesso schema dovrebbe ora riproporsi per le comunali di Taranto. La città pugliese é fra i grandi centri chiamati al voto in primavera insieme a Catanzaro, Palermo e Genova. (AGI)

Comments are closed.