TARANTO, RIMODULATE LE STRISCE BLU

RIDOTTE IN CORSO ITALIA E VIALE MAGNA GRECIA, ARRIVANO A SAN VITO

158

Seguendo le indicazioni programmatiche, e dopo un attento esame dell’andamento del servizio, l’amministrazione Melucci ha licenziato il primo provvedimento che rimodula la gestione della sosta tariffata.

Sono tre le principali azioni che scaturiranno dall’applicazione della delibera proposta dall’assessore alla Polizia Locale Cosimo Ciraci, approvata dalla giunta nei giorni scorsi: la riduzione della tariffa del parcheggio “Artiglieria” a 0,50 centesimi di euro (solo per la prima ora), il taglio di circa 200 stalli a pagamento lungo corso Italia (tra via Caduti di Nassirya e via Polesine) e viale Magna Grecia (tra viale Trentino e via Pisa) e l’introduzione di nuove aree con le cosiddette “strisce blu” nella borgata di San Vito, lungo viale Jonio.

«Avevamo promesso di metter mano all’intero sistema della sosta tariffata – ha spiegato il sindaco Rinaldo Melucci – e lo stiamo facendo gradualmente, avendo sempre come guida le indicazioni del nostro “Pums – Piano urbano della mobilità sostenibile”. La materia è oggetto di continue evoluzioni che seguiamo con grande attenzione, in funzione anche delle innovazioni che stiamo introducendo sul piano del trasporto pubblico locale. Contiamo di poter intervenire successivamente su altri aspetti del servizio, sempre a valle di valutazioni analitiche, recuperando anche i ritardi che abbiamo patito non certo a causa di nostre negligenze, ma conseguenza dello stop forzato dovuto allo scioglimento anticipato».

«Questo provvedimento scaturisce dal lavoro sinergico condotto con Kyma Mobilità – ha aggiunto l’assessore Ciraci – a salvaguardia anche di un indirizzo generale che ci vede prioritariamente orientati verso la promozione dell’uso di mezzi di trasporto alternativi all’auto privata. Tutte le nuove misure, inoltre, sono frutto di un confronto costante con residenti e associazioni di categoria del commercio, confermando così l’attenzione dell’amministrazione Melucci verso le esigenze dei cittadini».

Comments are closed.