TARANTO E MASSAFRA: ARRESTATI DUE PRESUNTI COMPAGNI VIOLENTI

LE OPERAZIONI DEI CARABINIERI DEL COMANDO PROVINCIALE

239

Negli ultimi giorni, i Carabinieri del Comando Provinciale di Taranto, sempre impegnati in servizi preventivi di controllo del territorio h24, finalizzati soprattutto ad aumentare la percezione di sicurezza dei cittadini, hanno tratto in arresto, per due distinti episodi, un 44enne di origini rumene ed un 37enne tarantino, presunti responsabili di “atti persecutori” e “lesioni personali”, nei confronti delle rispettive partner.

I Carabinieri della Sezione Radiomobile di Taranto hanno tratto in arresto, infatti, il su citato cittadino tarantino, nella mattinata di ieri, dopo essere intervenuti, a seguito di una richiesta di intervento nel quartiere “Borgo”. Lo stesso, secondo quanto riferito dalla vittima, avrebbe colpito al volto la donna, incinta, con lo scopo di costringerla ad interrompere la gravidanza.

A Massafra, poi, i militari della Stazione hanno tratto in arresto il 44enne, in flagranza differita di reato, dopo aver ricostruito la presunta dinamica dei fatti ed essere intervenuti presso l’abitazione della coppia. La vittima, grazie alla presenza rassicurante dei Carabinieri, ha deciso di sporgere denuncia, raccontando che le vessazioni, fisiche e psicologiche, sarebbero state portate avanti da diverso tempo.

Per entrambi gli episodi, sulla scorta degli elementi raccolti, grazie ad attività investigative condotte con escussioni testimoniali ed acquisizioni documentali, gli arrestati, espletate tutte le formalità di rito, su disposizione dell’A.G., sono stati condotti presso il carcere di Taranto, fatta sempre salva la presunzione di innocenza, sino a condanna definitiva.

E’ bene ricordare che le vittime di atti persecutori possono chiamare il numero telefonico 1522 (help line violenza e stalking), gratuito ed attivo 24 h su 24. In ogni caso, ci si può rivolgere al 112 per chiedere un intervento di emergenza, oppure recarsi alla Stazione dei Carabinieri più vicina, per presentare una denuncia.

Comments are closed.