SPARATORIA SAN VITO, ARRESTO CONVALIDATO

Umberto Sardiello, assistito dal legale Salvatore Maggio, ha ricostruito l'accaduto

344

Convalidato l’arresto di Umberto Sardiello, il 37enne di Taranto, autore della sparatoria di qualche notte fa all’interno dello Yacthing Club di San Vito a Taranto, sparatoria che ha causato dieci feriti tra uomini e donne, tutti di giovane età. Oggi Sardiello – che era stato fermato dalla Squadra Mobile poche ore dopo il fatto – è stato interrogato in carcere, presente il suo legale Salvatore Maggio. Sardiello ha dichiarato che era al bar dello Yachting Club a bere un cocktail e di essere stato provocato e spintonato, estraendo  la pistola calibro 9 per reazione. Sardiello, secondo il suo avvocato, avrebbe comunque mostrato un atteggiamento collaborativo. Secondo la ricostruzione della Squadra Mobile, Sardiello, che risponde di duplice tentato omicidio, spari in luogo pubblico e lesioni gravi, prima ha avuto uno scontro con due persone di Grottaglie, alle quali ha sparato – di qui l’accusa di duplice tentato omicidio – poi per farsi largo nel locale, dove nel frattempo si era scatenato il caos visto che erano presenti circa 300 persone, ha sparato altri colpi. Uno dei due di Grottaglie è stato ferito in modo serio ed in seguito operato ad una gamba. La prognosi nei suoi confronti dovrebbe comunque essere sciolta dai medici dell’ospedale di Taranto in queste ore. (AGI)

Comments are closed.