SAN GIORGIO, GLI AGRICOLTORI CHIEDONO ACQUA

OGGI IL SOPRALLUOGO DELL' ARIF

710

di LAURA MILANO

Hanno bisogno di acqua le aziende agricole del versante Jonico. Un’annata difficile, caratterizzata da una forte siccità ha messo in ginocchio numerosi imprenditori agricoli del tarantino. Questi ultimi lamentano che la fornitura idrica proveniente dagli impianti di irrigazione situati a San Giorgio Jonico,  deputati a provvedere al fabbisogno di un considerevole numero di ettari di terreno, sarebbe ridotta alle sole ore diurne con il blocco degli impianti già alle ore 18. Troppo poco, lamentano gli imprenditori agricoli, che non riuscirebbero pertanto a provvedere al fabbisogno di acqua delle proprie colture, con gravi ripercussioni sulle produzioni e sull’economia dello stesso territorio.

Questa mattina, il  coordinatore provinciale A.R.I.F. (Agenzia regionale per le attività irrigue e forestali) Augusto Rateo ha svolto un sopralluogo nella zona: gli imprenditori che lo hanno raggiunto sul luogo degli impianti chiedendo a gran voce che la erogazione di acqua avvenga costantemente nelle 24 ore. Anche l’amministrazione  comunale di San Giorgio, guidata da Mino Fabbiano, si è unita alle richieste degli imprenditori augurandosi che la messa in funzione dei pozzi irrigui sia programmata in linea con le esigenze delle colture.

Gli agricoltori contestano anche la mancata messa in funzione degli impianti nei giorni festivi. Fra  i presenti all’incontro odierno, anche i rappresentanti dell’ azienda agricola Nigro, che si sono fatti portavoce delle esigenze dei diversi  imprenditori della zona:  “L’agricoltura e le piante non riposano la domenica” hanno ricordato .

Comments are closed.