RAPINE A BANCHE E UFFICI POSTALI, 5 “AVVISATI”

NOTIFICATI DALLA SQUADRA MOBILE DI TARANTO

212

Al termine di una lunga e complessa attività d’indagine, il personale della Squadra Mobile ha notificato l’avviso di conclusioni indagini nei confronti di 5 persone (quattro originarie di Brindisi ed una di Taranto), ritenute presunte responsabili di quattro rapine ad uffici postali e filiali di banche della Provincia Jonica tutte compiute tra il 2020 ed il 2021.

I cinque indagati, a vario titolo e con vari ruoli, dovranno rispondere del reato di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di rapine (aggravata dalla disponibilità di armi), oltre che di quattro episodi di rapina pluriaggravata, di lesioni personali aggravate, porto illegale di armi da fuoco e ricettazione.

Le indagini sono partite nell’agosto del 2021 subito dopo una rapina ad un furgone portavalori giunto nei pressi della Filiale di una Banca di Grottaglie per la consegna di denaro contante.

Secondo il racconto fornito al personale del Commissariato di Grottaglie, in quel frangente la rapina sarebbe stata perpetrata da tre uomini travisati ed armati che riuscirono a farsi consegnare i sacchi contenenti circa 12mila euro. Inoltre, durante le movimentate fasi della rapina, una guardia giurata fu anche colpita con il calcio di una pistola e derubata della pistola d’ordinanza.

Il meticoloso lavoro degli investigatori, coordinato dalla Procura della Repubblica di Taranto, sulla base delle dichiarazioni rese dalle vittime e dai testimoni presenti al fatto nonchè dell’analisi delle immagini delle telecamere dei sistemi di videosorveglianza del Comune di Grottaglie, ha consentito di ricostruire la dinamica dei fatti, consentendo di individuare le autovetture utilizzate dal gruppo dei rapinatori e di ricostruire i percorsi effettuati prima dell’assalto e durante la fuga.

Già i primi accertamenti effettuati indicevano gli investigatori a concentrare i propri sospetti nei confronti di due soggetti già peraltro noti per reati della stessa indole.

Comments are closed.