MUORE OPERAIO, SCIOPERO RINVIATO

E' SUCCESSO STAMATTINA NELLO STABILIMENTO ARCELOR MITTAL. IL DRAMMA DI UN 38ENNE

432

I sindacati metalmeccanici Fim Cisl, Fiom Cgil e Usb hanno rinviato dall’1 marzo al 3 marzo il previsto sciopero di 24 ore nel siderurgico di Taranto ArcelorMittal. Il rinvio è stato deciso dopo “il tragico evento accaduto in data odierna”. Le sigle sindacali si riferiscono alla morte per infarto di un dipendente di 38 anni di ArcelorMittal, Francesco Tomai, avvenuta questa mattina in uno spogliatoio della fabbrica. Evento che ha destato molta impressione in fabbrica. I giorni di rinvio dello sciopero saranno utilizzati, spiegano i sindacati, “per espletare e ultimare la procedura di raffreddamento dei conflitti prevista dall’accordo del 20 maggio 1989”. Lo sciopero inizialmente fissato per l’1 ed ora slittato di due giorni, salvo definitiva sospensione a seguito di accordo, è stato indetto dai sindacati per protestare contro ArcelorMittal che in modo “unilaterale e arbitrario”, rilevano le sigle metalmeccaniche, trasforma in cassa integrazione le giornate che i dipendenti chiedono ferie o come permessi della legge 104 per assistere congiunti in stato di fragilità.

Comments are closed.