MODA MIGRANTE TARANTO 2018, AL VIA DA PALAZZO GALEOTA LA RASSEGNA ITINERANTE

L'iniziativa, organizzata per la prima volta, è condivisa dalle associazioni Salam, Idakia, Il Luogo dei Possibili, La Maison de La mode. Partirà sabato prossimo 5 maggio con la sfilata “Abiti dal mondo”

753

Al via “Moda Migrante”, rassegna itinerante e in divenire che partirà sabato 5 maggio da Palazzo Galeota a Taranto. L’iniziativa nasce in seno ad un gruppo di associazioni e professionisti che da anni lavorano chi sul campo della moda, chi nell’accoglienza ai migranti, chi nel campo artistico, del teatro e più in generale della cultura: l’Associazione Salam, Idakia artdirection&disegn, Associazione Il Luogo dei Possibili, La Maison de La Mode/abiti dal mondo. La Rassegna è incentrata sulla Moda e sulle differenti sfaccettature che contraddistinguono il mondo sartoriale e tutto ciò che l’abito può rappresentare nel mondo. Concepita come rassegna in divenire (una sorta di work in progress sempre aperto) prevede al momento due iniziative.

Il primo appuntamento “Abiti dal mondo: basta un abito per viaggiare” si terrà dalle 19, sabato 5 maggio, nella suggestiva cornice settecentesca di Palazzo GALEOTA, all’interno della “Fashion Week” – serie di eventi collegati alla moda tra cui esposizioni di creazioni artigianali, sfilate, shooting organizzato dall’Associazione Artava. Moda Migrante si aprirà con un intervento estemporaneo “OPERA VIVA TARANTO TERZA EDIZIONE 2018” dell’artista Alessandro Bulgini a cura di Christian Caliandro: risultato del progetto artistico realizzato a Taranto, nato dalle relazioni con la comunità cittadina ed in particolare con la città vecchia. A seguire si terrà la SFILATA “ABITI DAL MONDO” dal piglio POP dove i tessuti etnici si fanno modalità di relazione, mixaggio ironico e multicolor di culture. Saranno presentate le creazioni realizzate nell’ambito del progetto “La Maison de La mode”, laboratorio sartoriale la cui equipe è composta da richiedenti asilo ospiti dei centri di accoglienza straordinaria dell’Associazione Salam, guidati dalla sarta modellista Patrizia Solito, e coordinati dalla direttrice creativa Ida Chiatante della Idakia Art direction&design.

La rassegna, nel secondo appuntamento, sabato 19 maggio si sposterà nella sede della Lega Navale di Taranto, al Lungomare Vittorio Emanuele III con l’iniziativa “La Sartoria Sociale: cuciamo legami solidali”. Dalle 18, verrà presentato il Libro fotografico “Sartorie” di Ida Chiatante, fashion designer e fotografa. Interventi previsti a seguire di Hélène Blignaut scrittrice e saggista, esperta di moda – dell’avv. Maria Rosaria Piccinni esperta in diritto e religioni dei Paesi del Mediterraneo, di Giuseppe Cirasino, Sales Manager Apulia Fashion Maker e caporedattore di Stil’é magazine del Il Sole 24 ore. . Sarà dato spazio poi a “LA MAISON DE LA MODE/Abiti dal Mondo” che verrà presentato dalla responsabile del Centro Interculturale Nelson Mandela di Taranto Valentina Di Michele, insieme alla modellista Patrizia Solito e al team di sarti migranti. Coordinerà gli interventi la giornalista Antonietta Podda dell’Associazione Salam. La rassegna ospiterà una parte dei capolavori del grande ed affermato fotografo Manoocher Deghati (fotoreporter vincitore del World Press Photo) e riproporrà un nuovo intervento artistico estemporaneo “OPERA VIVA TARANTO” dell’artista Bulgini. A concludere l’evento la performance teatrale “I mangiatori di Filo” a cura di Ida Chiatante ed in collaborazione con l’Associazione Il Luogo dei Possibili. I partecipanti all’evento potranno poi fermarsi per un momento conviviale con aperitivo con contributo e calice di vino offerto da Cantine San Giorgio.Sponsor dell’evento: Teatro Crest e Ruggiero Grafica.

 

 

 

 

 

Comments are closed.