MESSA IN MEMORIA DEL CARABINIERE SCELTO SPAGNULO

CERIMONIA A MONTEIASI PER LA MEDAGLIA D'ORO AL VALOR CIVILE

98

Nella mattinata odierna, in concomitanza con l’anniversario della sua morte, presso la Villa Comunale di Monteiasi, è stata celebrata una messa commemorativa in onore della Medaglia d’Oro al Valor Civile Car. Sc. Angelo Spagnulo. La cerimonia, officiata da Don Giovanni, parroco della chiesa San Giovanni Battista, e Don Cataldo, Cappellano Militare, si è svolta in occasione del 17° anniversario della morte del militare ed ha visto la partecipazione dei familiari del decorato, del Sindaco di Monteiasi Cosimo Ciura, nonché delle autorità militari, tra le quali il Colonnello Gaspare Giardelli, Comandante Provinciale di Taranto, ed il Capitano Silvana Fabbricatore, Comandante della Compagnia Carabinieri di Martina Franca.

Il Car. Sc. Spagnulo, originario di Monteiasi (TA), fu ucciso il 24 settembre 2005, mentre si trovava libero dal servizio e disarmato all’interno di un locale pubblico. Il militare non esitò ad intervenire per sventare una rapina, benché fosse parzialmente inabile a causa di una frattura ad una gamba: in quell’occasione venne colpito a morte da uno dei malviventi. Il vile atto si consumò proprio a Monteiasi, ove il militare risiedeva e stava trascorrendo la licenza, insieme ai genitori.

Sentito e profondo l’intervento del Comandante Provinciale dei Carabinieri che, nel rimarcare le elevatissime qualità morali e professionali di Angelo, nella duplice veste di uomo e Carabiniere, ha voluto evidenziare quanto quel sacrificio debba rappresentare per tutti i Carabinieri in servizio, esempio cui ispirarsi nell’ “eroismo quotidiano”, ovvero nel servizio di prossimità e disponibilità al servizio della comunità. Doveroso, quindi, da parte dei Carabinieri, ricordare la sua figura con una messa a lui dedicata e la deposizione di una corona di fiori sulla targa marmorea posta nei pressi della Villa Comunale di Monteiasi, a lui intitolata. L’evento si è svolto in una solenne cornice composta da un picchetto in Grande Uniforme Storica e impreziosito dalla presenza dei componenti dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Montemesola e Grottaglie.

Comments are closed.