M5S: “MILLEPROROGHE, GARANZIE SUI FONDI PER LE BONIFICHE”

LE DICHAIARZIONI DEL CAPOGRUPPO MARAIA

195

“Nell’esprimere parere favorevole al decreto Milleproroghe, oggi in commissione Ambiente, il Movimento 5 Stelle ha chiesto e ottenuto che si aggiungesse un esplicito riferimento alla necessità di intervenire sulla portata dell’articolo 21, che dirotta altrove oltre mezzo miliardo di euro, frutto del sequestro penale stabilito dalla Procura di Milano ai danni della famiglia Riva, da utilizzare per la bonifica delle aree dell’impianto siderurgico di Taranto. Il parere approvato evidenzia la necessità di garantire che le somme stanziate per la bonifica, derivanti appunto dall’accordo transattivo stipulato con la famiglia Riva, siano in ogni caso garantite”. Lo afferma Generoso Maraia, capogruppo M5s in commissione Ambiente alla Camera. “Siamo stati i primi – prosegue – a evidenziare la necessità di scongiurare un incomprensibile passaggio nelle mani di Acciaierie d’Italia Spa, per fini produttivi, delle somme messe a disposizione dei commissari per attività di bonifica e dunque per la salvaguardia della salute e del territorio. Abbiamo subito presentato un emendamento soppressivo, a prima firma del collega Gianpaolo Cassese, e ora apprendiamo con soddisfazione che alcuni esponenti di altre forze politiche si sono espressi per eliminare l’articolo 21 e ripristinare la destinazione dei fondi a esclusivo beneficio degli interventi per la bonifica, l’ambientalizzazione e la riqualificazione dell’area. Questo è l’obiettivo a cui continueremo a lavorare e su cui vigileremo fino alla definitiva conversione in legge del provvedimento”.L’emendamento nelle commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera, dove si sta discutendo il Milleproroghe, è stato presentato dal deputato M5S Gianpaolo Cassese e sottoscritto dagli altri parlamentari pentastellati pugliesi. da Generoso Maraia e Luca Sut, capigruppo 5 Stelle in commissione Ambiente e in commissione Attività Produttive. “Non permetteremo – dichiara Cassese – che i benefici previsti per il nostro territorio con le bonifiche e le altre attività ambientali vengano sottratti ai tarantini”.(AGI)
TA1/GIM

Comments are closed.