LA VIRTUS FRANCAVILLA CADE ANCORA IN CASA

L'EX SARAO FIRMA IL SUCCESSO DEL CATANIA

221

Quarta sconfitta in cinque partite per la Virtus Francavilla, che cade in casa contro il Catania per 0-1. Al “Giovanni Paolo II” gli etnei s’impongono di misura grazie a un rigore (generoso) trasformato dall’ex Sarao per un fallo ingenuo ai danni di un altro ex di turno, Albertini.

PRIMO TEMPO. Avvio propositivo della Virtus Francavilla. Al 6′ cross dalla destra di Giannotti per Di Cosmo: girata di prima intenzione della giovane mezzala classe ’98, pallone deviato sul fondo da Martinez con un eccellente colpo di reni. Un minuto dopo ci prova Rosaia, palla fuori di un soffio. All’8′ palo di Mastropietro: il numero undici biancazzurro, servito con i tempi giusti da Ekuban, a tu per tu con Martinez colpisce il legno. Al 16′ Zenuni s’incunea in area dalla sinistra e calcia verso il primo palo, ancora una volta ottima la risposta di Martinez. Al 20′ ci prova ancora Ekuban, questa volta di testa, ma come contro la Vibonese non inquadra lo specchio della porta. Al 44′ il rigore concesso agli etnei, di cui si è detto.

SECONDO TEMPO. Nella ripresa la prima palla gol è per il Catania: al 51′ Emmausso calcia da fuori, ma deve accontentarsi solo di un calcio d’angolo. Al 59′ Mastropietro scaglia un siluro verso la porta difesa da Martinez, che va giù in una frazione di secondo e sbarra la strada agli avversari sul primo palo. Al 21′ Franco calcia da fuori: deviazione provvidenziale e sugli sviluppi del conseguente calcio d’angolo Ekuban di testa mette i brividi al Catania. Al 72′ fuori Pambianchi e dentro Celli, fuori Zenuni e dentro Castorani. All’80’ timido tentativo di Mastropietro, la cui girata in area di rigore viene deviata sul fondo da un difensore degli etnei. All’88’ di testa Celli sfiora il pareggio di testa. Nel finale i padroni di casa ci provano, ma senza successo e restano a quota uno in classifica dopo cinque partite.

IL COMMENTO DEL D.S.

Mariano Fernandez, direttore sportivo della Virtus Francavilla,

Mariano Fernandez

in sala stampa ha commentato così la sconfitta per 1-0 contro il Catania al ‘Giovanni Paolo II’: “La partita l’abbiamo vista tutti, abbiamo giocato bene e costruito tante occasioni prima del rigore concesso a loro. C’è amarezza, la squadra ha fatto bene e concesso poco. Prima dell’1-0 abbiamo avuto 3-4 occasioni per segnare. Poi il penalty assegnato agli etnei è stato un po’ generoso, vedendo la dinamica. E c’è stato un fallo di mano nell’area loro non visto dal direttore di gara, che non capisco come faccia a non reputarlo intenzionale… Ma non voglio creare alibi, alla squadra ho fatto i complimenti: ha giocato con il cuore, ha concesso zero a una squadra forte come il Catania. È un momento in cui dobbiamo continuare a spingere sull’acceleratore, non basta quanto fatto fin qui evidentemente. Con questo spirito i risultati arriveranno. Adesso pensiamo a caricare le energie per la sfida di mercoledì, dobbiamo andare a Pagani per fare una prova importante e soprattutto punti”.

Per la squadra del presidente Antonio Magrì

Antonio Magrì, presidente della Virtus Francavilla

un avvio di torneo davvero sfortunato, ma le assenze hanno pesato, come pure le decisioni arbitrali. Contro il Catania era assente la coppia-gol Perez-Vazquez, è ancora out Marino. Recuperi che saranno importanti per riprendere un cammino che consenta ai biancazzurri di rimettersi in carreggiata. A partire da mercoledì prossimo, a Pagani.

Comments are closed.