LA SCUOLA FORENSE DI TARANTO A SCACCO D’ATTO 2022

La sesta edizione si è conclusa a Cosenza

322

Nei giorni scorsi si è conclusa a Cosenza la sesta edizione di Scacco d’Atto, il torneo di retorica forense che ha visto i giovani praticanti avvocato, sfidarsi a “colpi di parole”.

L’iniziativa nasce nel 2015 da un’idea geniale dell’avv. Vincenzo di Maggio, attuale componente del CNF (Consiglio Nazionale Forense), ed è finalizzata al recupero ed alla valorizzazione delle tecniche di persuasione e argomentazione, in particolare nel rispetto della partizione richiesta dalla retorica – esordio, narrazione, partizione, argomentazione, confutazione ed epilogo – secondo gli insegnamenti di Aristotele e Quintiliano.

L’obiettivo è quello di contribuire a formare giovani professionisti che siano forti nelle tradizioni, innovativi nell’esercizio della professione, qualificati nelle competenze e nella formazione, consapevoli della responsabilità sociale assunta dalla categoria cui appartengono, difensori dei diritti e quindi del diritto, pronti a raccogliere le sfide di questa nostra società.

A Cosenza si sono sfidate nove Scuole forensi provenienti da tutta Italia: La Scuola Forense di Taranto, in particolare, ha partecipato con due squadre: una per il civile composta dalle Dottoresse Silvia Cosmari Tomai e Vittoria Pozzessere, e dal Dott. Italo Tarantini, e una per il penale composta dalle Dott.sse Giorgia Epifani, Monica Montanino e Francesca Pompamea.

I ragazzi della Scuola Forense di Taranto si sono distinti per bravura e competenza affrontando le varie dispute con impegno e massima concentrazione; sono arrivati in finale, infatti, sfidando la scuola di Trento, vincitrice del torneo.

Raggiungere il podio è stato un grandissimo risultato per la Scuola Forense di Taranto, vincitrice dell’ultima edizione di Scacco d’atto, sopraffatta per un solo punto dai trentini. In ogni caso aver gareggiato in finale è stata una vittoria.

La preparazione è stata lunga ed impegnativa, affidata ai docenti-tutor della scuola che con la loro competenza, passione e professionalità hanno supportato i ragazzi che si sono messi in gioco, senza mai dubitare delle loro capacità.

Non è semplice raccontare con le parole l’esperienza di Scacco d’Atto, che è un insieme indescrivibile di emozioni: felicità, tristezza, ansia, gioia, fiducia, paura, che vanno vissute per essere comprese.

Al termine di ogni edizione si è sempre più ricchi di saperi ed umanità che ci consentono di guardare con entusiasmo al futuro dell’avvocatura.

Come ha affermato a conclusione della manifestazione l’avvocato Paola Donvito, Presidente della Fondazione Scuola Forense di Taranto: «i nostri giovani sono diamanti grezzi, il compito delle scuole è quello di far uscire il brillante che è in loro. I ragazzi della Scuola Forense di Taranto hanno brillato di luce propria e noi tutti ne siamo orgogliosi».

L’avvocato Paola Donvito ha poi voluto ringraziare «i docenti-tutor di Scacco d’Atto: Luca Andrisani, Imma Caricasulo, Daniele D’Elia, Mario Esposito, Giovanni Fiorino, Loredana Ruscigno e Franz Renzullo che, con entusiasmo ed abnegazione, hanno preparato i giovani alla sfida. Ringrazio l’Ordine degli Avvocati di Taranto, il Presidente Antoniovito Altamura e i Consiglieri tutti, che ci ha sostenuto, nonché la nostra instancabile Dott.ssa Maria Grazia Argento, segretaria della Scuola Forense, sempre al nostro fianco, anche quando non è fisicamente accanto a noi».

Comments are closed.