INCONTRO SLC CGIL-SUN FILM SULLA QUESTIONE ARRETRATI

Il segretario sindacale Lumino: "L'azienda ha promesso i pagamenti entro il 28 febbraio. Altrimenti procederemo ad altre azioni"

1.140

Si è svolto ieri un incontro tra la Slc Cgil e la Sun Film. A renderlo noto è il segretario di categoria Andrea Lumino.

“Il 5 febbraio – spiega l’esponente dell’organizzazione sindacale dei lavoratori dello spettacolo – si è tenuto, presso la sede della CGIL di Taranto, un incontro con i vertici della SUN FILM GROUP SpA in merito alle vicende dei mancati pagamenti per il film “Sesso ed altri inconvenienti”, a cui si sono aggiunti ulteriori mancati pagamenti pregressi. L’azienda ha ammesso i mancati pagamenti e si è resa disponibile, previa comunicazione dei singoli nominativi da parte della scrivente, a sanare tutte le posizioni, iniziando da “Sesso ed altri inconvenienti” e “Survival”, entro il 28 Febbraio 2019. Premessa la peculiarità della richiesta (visto che un’azienda dovrebbe già avere il saldo da pagare a tutti i lavoratori), la scrivente ha comunicato che entro 2/3 giorni fornirà i nominativi di coloro stanno intraprendendo azione sindacale con la scrivente. Rendiamo noto che, qualora non fossero visibili i soldi sui conti correnti dei lavoratori entro il 28/2/2019, denunceremo ad Ispettorato del Lavoro, alla Guardia di Finanza ed a tutti gli organi competenti (compresa la Camera di Commercio per verificare eventuali contatti con altre società per altri mancati pagamenti). Visti i toni usati al tavolo, tuttavia, la SLC CGIL di Taranto chiede formalmente al Comune di Taranto ed Apulia Film Commission l’apertura di un tavolo che accerti come si lavori, in questo settore, su questo territorio, visto l’impatto economico per i lavoratori e sociale sulla collettività di una produzione del genere: come ribadito ieri in riunione, riteniamo che chi venga qui a Taranto debba rispettare i lavoratori ed i cittadini. Parimenti, si conferma la richiesta a tutti coloro che sono in indirizzo, dal Comune di Taranto, ad Apulia Film Commission al MIBACT, di bloccare i finanziamenti pubblici a quest’azienda a patto che non si certifichi l’utilizzo per il pagamento degli arretrati”.

Comments are closed.