I SINDACATI: “CHIARIMENTI SU COSMOPOL”

FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL e UILTUCS UIL preoccupati per i 43 lavoratori

386

Sono i lavoratori che garantiscono la sicurezza nei pressi di strutture come banche, tribunali o luoghi istituzionali, ma non verrebbero trattati nel rispetto delle regole.

E’ la storia che FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL e UILTUCS UIL, denunciano riferendosi ai 43 lavoratori agenti e guardie particolari giurate che per effetto della crisi della loro vecchia azienda, la SEPRO, ora sono confluiti, in virtù di un fitto di impresa, nella subentrante COSMOPOL.

Il servizio è quello di vigilanza armata su siti sensibili che in virtù della delicatezza dell’attività svolta avrebbe bisogno della tutela delle condizioni minime di sicurezza e salario di quei lavoratori.

“E invece dal 30 aprile – dicono i sindacati – la situazione non accenna a pacificarsi.

Dopo il passaggio dei lavoratori tra vecchia e nuova azienda, i sindacati riscontrarono subito alcune anomalie.

Si parlava di disponibilità ad una mobilità lavorativa a livello regionale, mentre il servizio è svolto solo nella provincia di Taranto, riscontravamo anomalie sull’organizzazione del lavoro, sulla turnistica, sui riposi, addirittura sulle sanzioni applicabili ai lavoratori, e neanche la quattordicesima mensilità è stata percepita – dicono le rappresentanze sindacali – per questo abbiamo reiteratamente chiesto all’azienda di chiarire, precisare, porre in atto correttivi.

Così, dopo un’attesa sfiancante, si sarebbe dovuto discutere in Prefettura di tutti i nodi venuti al pettine.

Invece è arrivato l’ennesimo rinvio – spiegano le sigle sindacali di CGIL, CISL e UIL – e la discussione rimandata è il segnale della scarsa attenzione che a livello istituzionale ha questa vertenza.

La organizzazioni sindacali ora lanciano ancora una volta il loro appello.

La Prefettura convochi le parti al più presto – dicono – perché è impensabile che lavoratori così indispensabili e strategici debbano essere trattati così”.

Comments are closed.