“GLI ENTI LOCALI ADOTTINO LE MISURE NECESSARIE PER FARCI LAVORARE”

La lettera aperta degli Ordini degli Architetti, Ingegneri e Geometri

513

Gli ordini degli Architetti, degli Ingegneri e dei Geometri scendono in campo nei giorni del coronavirus con una lettera aperta:

Lo stop forzato a cui tutte le categorie economiche sono state costrette per fare fronte al
contenimento del contagio da Covid-19 pone una serie di problematiche che coinvolgono anche le categorie professionali da Noi rappresentate che, per quanto ancora formalmente autorizzate ad esercitare la propria attività di studio, non hanno invece la possibilità reale di proseguire nell’interlocuzione diretta con la maggior parte delle Pubbliche Amministrazioni che hanno, anch’esse in via precauzionale, limitato o interrotto del tutto l’accesso agli sportelli.
Siamo consapevoli dell’impegno profuso da parte di tutti in una situazione del tutto
straordinaria ed eccezionale, proprio a cominciare da chi come le Pubbliche Amministrazioni sono tenute a fornire alla collettività, anche in momenti di assoluta emergenza, i servizi essenziali.
Ma, considerato che l’art. 1 del DPCM del 22 Marzo 2020 recita che “Le attività
professionali non sono sospese e restano ferme le previsioni di cui all’art. 1, punto 7 del DPCM 11
Marzo 2020″, con la presente l’Ordine degli Architetti P.P.C della provincia di Taranto, l’Ordine
degli Ingegneri della provincia di Taranto il Collegio dei Geometri & Geometri Laureati della
provincia di Taranto richiedono a tutte le Amministrazioni Pubbliche della Provincia di Taranto,
qualora non sia stato già attuato, di comunicare e pubblicare sui propri siti istituzionali o anche
tramite per tramite dei siti istituzionali degli Ordini e Collegi scriventi, tutte le nuove modalità di
erogazione dei servizi a distanza, con particolare riguardo ai servizi relativi all’area tecnica (SUE, SUAP, Servizio Igiene Pubblica, Direzione Urbanistica e LL.PP., Commissione Paesaggistica, Uffici della Sovrintendenza BAAS, ecc.), con i relativi recapiti, email/pec, numeri telefonici dei responsabili dei servizi, gli orari di “apertura/chiusura” al pubblico (con eventuale indicazione del recapito del referente o del responsabile del servizio), i mezzi, la modulistica e le modalità telematiche di trasmissione delle nuove pratiche amministrative o delle integrazioni documentali alle procedure già in corso, ed eventuali aggiornamenti delle stesse in ottemperanza alle prescrizioni imposte dai DPCM 8, 9 e 11 marzo 2020, e dal D.L. 18/2020 e successivi.
Anche al fine di promuovere, più che mai ora, un principio di semplificazione e gestione
telematica delle “procedure amministrative, autorizzatorie e concessorie” si chiede a tutte le
Amministrazioni Pubbliche della Provincia di Taranto che non si fossero già attivate in tal senso, di avviare ogni iter per l’attivazione delle piattaforme telematiche utili per consentire a tutti i cittadini, imprese e professionisti, di proseguire la propria attività in modalità “smartworking” con notevole riduzione di tempi e di costi.
In particolare, si richiede alle Amministrazioni in indirizzo di attivare, anche in modalità di
“smart working” sportelli telematici e canali di comunicazione diretta tra l’utenza ed il personale in forza in particolare alle Aree tecniche, anche attraverso apposite piattaforme di videoconferenza (alcune delle quali fruibili anche a titolo del tutto gratuito) al fine di non esaurire, in questa fase emergenziale ma anche per il post emergenza, il consueto confronto con gli sportelli che ogni professionista necessità nella fase preistruttoria delle proprie pratiche amministrative ed edilizie.
Si chiede, inoltre, alle stesse Amministrazioni Pubbliche che non abbiano già ottemperato,
di comunicare, sempre attraverso i già citati canali informativi, tutte le disposizioni relative alla
“Proroga dei termini dei titoli edilizi e ai procedimenti e termini ai quali si applica la sospensione” e in ottemperanza all’art. 103 comma 2 del D.L. 18/2020, pubblicato in G.U. n. 70 in data 17/03/2020, di aver provveduto a rinviare la scadenza dei termini ordinari dei procedimenti amministrativi e precisamente: “tutti i certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020, conservano la  loro validità fino al 15 giugno 2020“ e a sospendere i termini nei procedimenti amministrativi ed effetti degli atti amministrativi in scadenza, pendenti alla data del 23 febbraio 2020 o iniziati  successivamente a tale data, per il periodo compreso tra la stessa data e quella del 15 aprile 2020,  siano essi promossi su istanza di parte o d’ufficio.
Gli Ordini e Collegi professionali scriventi rinnovano la propria disponibilità alla piena
collaborazione con le Pubbliche Amministrazioni in indirizzo perché queste procedure, utili più che  mai in questo periodo, possano attuarsi nel più breve tempo possibile.

Comments are closed.