EX ILVA, FERIE TRAMUTATE IN CIG. LA PROTESTA DEI SINDACATI

LE POSIZIONI DI FIM, FIOM E UILM

67

“Acciaierie d’Italia, ex Ilva, ha tramutato nuovamente e arbitrariamente in cassa integrazione le ferie programmate dai lavoratori. Lo hanno fatto a tutti”. Lo dichiara all’AGI Gennaro Oliva, coordinatore di fabbrica Uilm, affermando che “i lavoratori hanno fatto questa scoperta stamattina accedendo al portale dell’azienda e visionando i cedolini delle retribuzioni di luglio che saranno messe in pagamento domani”. “Domani finirò di completare la raccolta dei cedolini paga e andrò in Procura a consegnare il tutto con un esposto. Ci sono già enti vigilanti che hanno avviato un approfondimento su questa intollerabile anomalia dell’ex Ilva a Taranto” afferma  Oliva. “La cosa davvero singolare é che l’azienda ha invitato tutti i dipendenti a farsi le ferie e a programmarle dandone comunicazione e poi, nella realtà, ci troviamo di fronte a queste sgradite sorprese” conclude il coordinatore di fabbrica per la Uilm.

I sindacati metalmeccanici alzano il tiro sull’ex Ilva, Acciaierie d’Italia, dopo che oggi si è scoperto, dai cedolini delle buste paga che saranno accreditate domani, che le ferie programmate dai lavoratori sono state trasformate in cassa integrazione. La Fim Cisl paventa di rivolgersi alla Procura della Repubblica. “Con l’uscita dei cedolini – dice la Fim – sono emerse varie anomalie tra cui quella delle ferie estive programmate tramutate in cassa integrazione. Questo è stato uno dei tanti motivi per cui Fim, Fiom e Uilm hanno fatto denuncia all’Ispettorato del Lavoro e all’Inps. Dopo la stessa denuncia – affermano i metalmeccanici della Cisl – sono intervenuti gli ispettori ma, allo stesso tempo, l’azienda ancora una volta continua a commettere gli stessi errori. Come Fim, se l’esito delle ispezioni dovesse dare ragione all’azienda, ci rivolgeremo direttamente alla Procura della Repubblica”. Nel frattempo, la Fim Cisl invita i lavoratori, attraverso gli rsu, a consegnare le “fotocopie dei cedolini e cartellini specificando le anomalie riscontrate”.
E prende posizione anche la Fiom Cgil con Francesco Brigati. “L’azienda, nonostante l’intervento dell’ispettorato del Lavoro – afferma Brigati – ha trasformato le ferie programmate dai lavoratori in cassa integrazione. In queste ore stanno arrivando moltissime segnalazioni dai lavoratori che hanno scoperto, direttamente attraverso la busta paga, la trasformazione delle ferie programmate in cigs senza nessuna comunicazione al lavoratore. Stessa sorte è toccata anche ai lavoratori che hanno usufruito di permessi per la donazione sangue”. (AGI)

Comments are closed.