DROGA FRA BRINDISI E TARANTO: SETTE ARRESTI E CINQUE INDAGATI

Operazione dei carabinieri . Oria la base, Mesagne e Manduria i crocevia

469

Nel corso di questa mattina, 6-10-2020, personale della Stazione Carabinieri di Oria, coadiuvato da un cospicuo numero di altri Carabinieri in servizio nell’ambito del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Francavilla Fontana e  del Comando provinciale di Brindisi, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Brindisi nei confronti di sette persone, sottoposte alle indagini, insieme con altre cinque (una delle quali di sesso femminile), perché ritenute responsabili di un organizzato traffico di sostanze stupefacenti. Un traffico a cavallo tra le province di Taranto e Brindisi, in particolare tra Oria, Mesagne e Manduria.

I destinatari delle misure (tre delle quali carcerarie e quattro domiciliari), tutti residenti in Oria, sono Fabrizio Russo, 43enne, Emanuele Martina, 22enne (cui è contestato pure la commissione del delitto di resistenza a pubblico ufficiale, consumato pur di sottrarsi a un controllo su strada mentre si occupava del traffico illecito), Alessandro Soliberto, 23enne (con i primi due detenuto nella casa circondariale di Brindisi, nell’attesa di essere interrogato dal giudice per le indagini preliminari del locale Tribunale che ha disposto l’applicazione delle misure chieste dal pm), Alessandro De Michele., 21enne, Filippo Fraccalvieri, 20enne, Andrea Lodeserto, 25enne, Andrea Summa, 33enne, ora custoditi nelle rispettive abitazioni.“
I molteplici reati complessivamente in contestazione, riguardanti numerosissimi episodi di cessione di sostanze stupefacenti tipo eroina (nel gergo utilizzato dai trafficanti in questione indicata con la parola “ventino” o “quintino”), marijuana (indicata con i termini “ventella”, “ventelle”, “erba” o “bomba”) ed hashish (indicato con i termini “fumo” o “storie”), sono stati commessi nel corso dei primi sette mesi dell’anno 2018 ed hanno impegnato per lungo tempo i Carabinieri inquirenti, che hanno dovuto superare più ostacoli frapposti, nel corso delle indagini, dalla non modesta capacità criminale degli indagati, i quali hanno improvvisamente abbandonato una prima “base di spaccio” attivata, secondo gli investigatori, in un’abitazione ubicata in Via Monte Grappa (sottoposta ad attento monitoraggio dai Militari dell’Arma), per trasferirsi in altra casa di Vico Bainsizza, nel frattempo utilizzando di terreni agricoli ubicati in Contrada Burdo per occultare cospicue quantità di droga e di sostanze da “taglio” di quella così detta “pesante”.

Proprio il rinvenimento non casuale di importanti corpi di reato ha consentito ai Carabinieri di ampliare le proprie conoscenze sulle modalità operative di ciascuno dei trafficanti, che avevano importanti punti di riferimento in ancor più pericolosi pregiudicati locali.

Quando è stato possibile, si è proceduto, ovviamente, a mirati interventi dissuasivi ma, per lo più, è stato necessario attendere il completo sviluppo dei dati acquisiti prima di ricostruire ciascun fatto-reato nei suoi esatti termini giuridici.

Terminate anche operazioni tecniche, è emerso un quadro complessivo di illiceità e personalità integralmente dedite al traffico illecito, ed il pericolo di commissione di gravi delitti della stessa di quelli per cui si procede è stato reputato insito proprio nell’acquisita “professionalità” degli indagati maggiormente gravati, che mai hanno smesso di delinquere, nonostante una serie di disavventure giudiziarie che già avevano interessato gran parte di loro.

Gli indagati catturati saranno sottoposti al previsti interrogatori di garanzia nel corso dei prossimi giorni.

 A coordinare l’inchiesta il Procuratore della Repubblica del Tribunale di Brindisi, dottor Antonio Giuseppe DE DONNO

Comments are closed.