CONVEGNO SUL DIABETE, IL “PIU’ DOLCE DEGLI AMICI”

Appuntamento a Palazzo Pantaleo, domenica 27 novembre alle 17,30

233

Appuntamento domani –  27 novembre 2022 – a Taranto, Palazzo Pantaleo, con inizio dei lavori alle 17,30. Un appuntamento da non perdere perché si tratterà di partecipare a un convegno, che gode del patrocinio del Comune di Taranto, in cui si intrecciano tante storie, tanti temi oggi più che mai attualissimi. Innanzitutto storie di umanità: quella di Maria Colaninno, madre di un ragazzo diabetico, Edoardo, che ha organizzato il convegno prendendo spunto da un caso personale ma allargando il tutto a una sfera scientifica, politica e istituzionale. Una bella sfida, una iniziativa encomiabile e da sostenere.
“Diabete – il più dolce degli amici”. Titolo a effetto, per un tema sul quale a soffermarsi, per “Lo Jonio”, è proprio Maria Colaninno, che nella vita si occupa di tutt’altro (è geometra, opera nel settore edilizio), ma che si è ritagliata spazi per dare un senso al suo ruolo di mamma.
Il tema è il Diabete tipo 1, insulinodipendente, e l’unico obiettivo sarà sensibilizzare ed informare; tema a lei molto caro in quanto madre di un ragazzo diabetico, Edoardo, il cui esordio è avvenuto all’età di nove anni. Lo ricorda come il momento più tragico, quando ad un tratto bisogna adeguarsi ad un cambio di vita preciso, costante, duro che costringe al vivere sempre in equilibrio… tutto sembra “difficile ed in salita” ma con il passare del tempo, diventa “abitudine” ed anche opportunità e quest’ultima farà da padrona dell’evento.
«Esordio indica l’inizio, il principio, il debutto di un argomento, di un momento, che fa intendere qualcosa di bello, di travolgente, di nuovo, e così è stato l’arrivo del diabete per mio figlio, anche se con sfumature diverse. Scriverne le emozioni lo definisco un momento di confronto, anche di coraggio, difficile da raccoglierne i contenuti in poche righe. La sensazione è quella di scrivere un foglio bianco, sul quale una dopo l’altra, cominciano a comporsi le parole mai dette per esprimere le emozioni vissute in quell’attimo di subbuglio. Mio figlio, che meritava di vivere la sua tenera età con la leggerezza come solo un bambino può fare, all’età di 9 anni è stato catapultato in una vita fatta di misurazioni, glucometri, insulina, visite mediche, tutto ciò che ogni bambino non dovrebbe sapere e conoscere. È diventato dannatamente grande in un attimo! Ed è questo che intendo portare avanti, fare della mia esperienza, di mio figlio, l’esperienza al servizio di tutti».
Perché questa iniziativa? «La motivazione che mi ha spinto ad organizzare tale evento – sottolinea Maria Colaninno – nasce dal vivere e condividere la patologia di mio figlio, sarà un momento di confronto, spero importante, che permetterà di parlare delle malattie croniche come il Diabete, di cui tutti parlano e poco conoscono. Il diabete tipo 1 di cui scrivo non è la patologia di chi mangia troppi dolci! E’ una malattia autoimmunitaria e si manifesta maggiormente durante l’infanzia o l’adolescenza. Ha origine dalla distruzione delle cellule Beta, contenute nel pancreas del soggetto affetto dalla patologia. La comparsa dei sintomi non ha regole, si presenta per ogni individuo in modo e tempi diversi e le motivazioni dell’insorgenza improvvisa della patologia, in forme così diverse per ogni soggetto, ad oggi non sono ancora individuate e parlarne, informare, divulgare di quelli che sono i sintomi possono, in taluni casi anche salvare la vita».
Durante l’evento sarà presentata un’antologia, pubblicata da una casa editrice, realizzata dalla raccolta di testimonianze di ragazzi diabetici, parenti ed amici, piene di rassegnazione ma anche di forza e coraggio, alcune raccolte da me stessa. «All’interno è presente la testimonianza di mio figlio, che al momento dell’esordio aveva quasi 9 anni, tra qualche giorno ne compie 18. Lui si
chiama Edoardo ed è un vulcano, un esempio, è colui che mi ha dato forza, è colui che vorrà studiare medicina ed è
il modello che ho voluto inserire nella locandina con a vista il suo dispositivo di misurazione glicemica».
IL PROGRAMMA
Luogo e data: Taranto, Palazzo Pantaleo Sala di Rappresentanza, giorno 27 novembre 2022, ore 17,30;
Titolo dell’evento: “Il Diabete, il più dolce degli amici” (Dolce perché? Perché il diabete è quel dolce amico che scorre nelle vene e che, seppur fatto di zucchero, bisogna prenderlo con le buone, con astuzia, con i nervi saldi, perché di dolce non ha proprio nulla!… o te lo fai amico oppure sarà nemico per sempre).
Saluti: Un rappresentante dell’Amministrazione Comunale di Taranto.
Relatori
Mario Turco: Senatore, Professore Universitario che affronterà, nella sua introduzione, il tema della sanità pubblica nella prospettiva dell’autonomia differenziata. Un tema di grande attualità per i possibili riflessi che potrebbe avere sulla Puglia e sulla città di Taranto. Con riferimento al capoluogo ionico, si discuterà, poi, del San Cataldo e della Scuola di Medicina.
Renato Perrini: Consigliere Regionale – Vice Presidente Commissione Sanitaria Regione Puglia che si occuperà del tema sanità pugliese, con accenni all’approvvigionamento dei medicinali e dispositivi medici che i ragazzi diabetici adoperano e alle criticità legate alla sanità in ambito di patologie croniche e non solo.
Clara Zecchino: Dottoressa, Dirigente Medico U.O. TRAMBUSTI Policlinico Giovanni XXIII di Bari e si occuperà dell’esordio in età pediatrica, sintomi ed insegnamento del¬la gestione della patologia nei primi tempi dopo l’esordio e non solo, parlerà di come la
tecnologia e le nuove tipologie di insulina rendono più facile la gestione del diabete.
Antonia Francesca Braione: Dottoresa. Dirigente medico SSD. Endocrinologia sede di Grottaglie – Taranto, si occuperà del periodo di transizione dall’essere piccoli pazienti a pazienti adulti, con tutte le criticità connesse alla crescita e gestione del dia¬bete.
Mario Balzanelli: Dottore, Direttore del dipartimento SET 118 ASL Taranto – Presidente Nazionale Società Italiana Sistema 118, affronterà come prevenire per evitare le Emergenze.
Lucia Vitale: Professoressa, Presidente AGD Ba-Ba¬t-Ta, parlerà dell’importanza delle associazioni sul territorio e nel percorso di
vita quotidiana delle famiglie che hanno trovato un “tesoro”.

Monica Priore: Nuotatrice, Cav. dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, parlerà di sport ed interverrà con la propria esperienza,anch’essa diabetica.
Barbara Pirelli: Avvocato, parlerà dello sviluppo sostenibile previsto dall’Agenda 2030, in particolare farà riferimento all’obiettivo n. 10 dell’Agenda che riguarda la riduzione delle disuguaglianze, farà accenni sulla legge 104/92 e su altri aspetti normativi.
Mario Rigo: Dott. Senior Executive Fas¬hion Advisor che tratterà l’argomento di “opportunità di lavoro”, vista la difficoltà di ingresso, in alcuni ambiti lavorativi, di ragazzi diabetici. Sarebbe meglio precisare ragazzi diabetici che indossano dispositivi. La
moda è un ambito nel quale vige la perfezione ma che da brevissimo periodo ha aperto l’accesso a persone con caratteristiche
fisiche differenti, tra gli esempi ci sono modelle con vitiligine, diabete, sindrome di down.
Rita D’Onghia: Dottoressa, Responsabile Concorso Apollo Edizioni. Presenterà l’Antologia “Diabete, un amico di viaggio”.
Organizza e modera: Maria Colaninno, che si occupa di tutt’altro (è Geometra), ma prima di ogni cosa madre di un figlio che ha avuto la sfortuna o fortuna di incontrare il diabete tipo1.

Comments are closed.