«CONFERMATO EMENDAMENTO M5S PER RESTITUIRE SOLDI A BONIFICHE»

L'INTERVENTO DEL SENATORE MARIO TURCO

232

«Il MoVimento 5 Stelle ha confermato le promesse fatte durante le manifestazioni sindacali organizzate lo scorso 7 gennaio sotto la Prefettura di Taranto, per stralciare l’Art. 21 del DL Milleproroghe che prevede di distrarre 575 milioni di euro dalle attività di bonifica dell’area più inquinata d’Europa, al ciclo produttivo. Per noi questa proposta, la cui paternità è attribuibile alla Lega, così come dichiarato dallo stesso leader, è offensiva e inaccettabile per i cittadini di Taranto e per tutti i lavoratori del sito industriale.» Lo afferma in un comunicato stampa il Sen. Mario Turco, Vicepresidente M5S e già Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri nel Governo Conte II, che prosegue: «Come MoVimento 5 Stelle stiamo lavorando affinché non si rinunci alla tutela dell’ambiente a favore di indefiniti e imprecisati investimenti produttivi. Peraltro, siamo ancora in attesa di conoscere come siano state impiegate le ingenti risorse pubbliche già stanziate in precedenza, nonché di sapere il contenuto del piano industriale e l’impatto che questo produrrà a livello sociale, ambientale e della salute pubblica. Distrarre, infine, tali risorse significherebbe rinunciare definitivamente alla riqualificazione dei lavoratori ex Ilva e al loro impiego nelle stesse attività di bonifica. Lunedì prossimo alla Camera inizierà la discussione del DL Milleproroghe per la sua successiva approvazione e conversione in legge, ma il MoVimento 5 Stelle ha già presentato l’emendamento soppressivo dell’Art. 21 per scongiurare che queste ingenti risorse vengano distratte dalla loro destinazione originaria. Perdere adesso 575 milioni di euro, significherebbe condannare la città a non ricevere mai più una somma così cospicua.»
Il Sen. Turco conclude: «Adesso auspichiamo che anche le altre forze politiche che hanno condiviso la contrarietà alla proposta leghista, siano coerenti nel sostenere l’abrogazione dell’Art. 21.»

Comments are closed.