BOTTI DI FINE ANNO, TRE FERITI TRA FRANCAVILLA E TARANTO

Auto in fiamme nel capoluogo jonico e un maxi-incendio in un'azienda agricola

768

Tre feriti per i botti di Capodannio tra Brindisi e Taranto, tra cui due ragazzini, incendi ed altri episodi si sono registrati nella notte di San Silvestro.

Nell’ambito delle attività di controllo del territorio predisposte in relazione ai festeggiamenti del capodanno 2019-2020, in cui sono state messe in campo numerose pattuglie, si riporta il consuntivo della notte dell’ultimo dell’anno da parte della Questura di Brindisi.

A Francavilla Fontana, un dodicenne è rimasto ferito a seguito dello scoppio di petardi perdendo una falange del dito della mano sinistra.

Si evidenzia che in comparazione allo scorso anno il trend per tali fatti è in discesa.

Invece a Brindisi, nella notte è stata, è stata segnalata una lite tra cittadini stranieri, in cui due uomini sono stati aggrediti con un coltello da cucina riportando lievi ferite. La sinergia operativa del personale delle Volanti e della Squadra Mobile ha permesso che l’aggressore venisse fermato, mentre era in procinto di lasciare la città con un pullman diretto all’estero. Dopo le formalità di rito e le attività di accertamento sulle dinamiche dell’accaduto, sarà deferito in stato di libertà per lesioni personali aggravate.

A Taranto duei feriti: un ragazzino di undici anni e un uomo di 42 anni. Per entrambi ustioni di primo grado e trasferimento al centro grandi ustionati dell’ospedale

Un grosso incendio si è sviluppato nella notte di Capodanno in un’azienda agricola che coltiva canapa

all’intenro della statale Taranto-Martina Franca, tra Crispiano e Montemesola. Danni ingenti e abitazioni lambite dalle fiamme. Vigili del fuoco di Taranto e Martina al lavoro per molte ore, sino all’alba di stamane. Da accertare le cause del rogo.

A Taranto in fiamme una Fiat 600 in via Mazzini: è andata completamente distrutta. L’altra sera, come è noto, anche l’esplosione di una bomba dinanzi ad una tabaccheria, in via Dante.

Poi anche altri episodi, fortunatamente di lieve entià, sempre nelle province di Taranto e Brindisi

 

Comments are closed.