ARCELOR, 230 LAVORATORI TORNANO DALLA CIG

L'ANNUNCIO DEI SINDACATI

162

“L’azienda preso atto delle rivendicazioni sindacali, ha comunicato le modifiche organizzative sia dal punto di vista della rotazione che dell’aumento del personale di manutenzione. Pertanto, a partire da lunedì 28 il numero dei lavoratori presenti in fabbrica passerà da un totale di 3680 a 3910”. Lo annunciano stasera i sindacati metalmeccanici Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm dopo gli incontri tenutisi oggi con ArcelorMittal. “In merito ai futuri assetti produttivi – si afferma – l’azienda ha comunicato ai coordinatori di fabbrica di Fim, Fiom, Uilm e Usb, la ripartenza di alcuni impianti dell’area a freddo e l’aumento produttivo dell’area acciaieria. Infatti, il 12 ottobre è prevista la ripartenza del reparto Produzione lamiere 2, mentre per il reparto Laminatoio a freddo ci saranno degli aggiornamenti su possibili ripartenze”. “Inoltre – dicono ancora le sigle metalmeccaniche – l’azienda ha dato attuazione, in base alle richieste sindacali, ad effettuare ed aumetare una rotazione del personale tra impianti similari di altoforni, acciaierie e treno nastri. Restano in sospeso alcune postazione che dovranno essere discusse nei prossimi giorni”. “In area Manutenzioni Centrali – comunicano i sindacati – al momento, vi è stato un incremento di 53 lavoratori e la prossima settimana ci sarà un ulteriore focus su reparti non coinvolti dall’aumento del personale”. Per i sindacati, “è del tutto evidente, che quanto discusso in data odierna con ArcelorMittal non ha nulla a che vedere con la trattiva in corso presso il Mise, ma ha affrontato e discusso questioni di carattere organizzativo, gestionale e di sicurezza con cui concretamente diamo riscontri oggettivi alle esigenze dei lavoratori”. (AGI)

Comments are closed.