AM, DOMANI AUDIZIONE IN REGIONE

Sarà presente Il direttore delle Risorse umane di ArcelorMittal, Arturo Ferrucci,

334

Il direttore delle Risorse umane di ArcelorMittal, Arturo Ferrucci, sarà domani ascoltato in audizione della commissione Attività produttive della Regione Puglia, presieduta da Donato Pentassuglia. Lo comunica il consigliere regionale Gianni Liviano, che l’audizione aveva chiesto. Dopo Ferrucci, la commissione ascolterà il presidente della Camera di Commercio di Taranto, Luigi Sportelli. Ferrucci viene ascoltato come rappresentante dell’azienda siderurgica al posto dell’amministratore delegato di ArcelorMittal Italia, Lucia Morselli. Per il consigliere Liviano, l’audizione mira ad avere risposte sulle difficoltà delle imprese dell’indotto-appalto siderurgico che lamentano di non essere pagate dalla committente a fronte di lavori eseguiti e fatturati. “A rendere più difficile la situazione – spiega Liviano – sono intervenuti, nei giorni successivi alla mia richiesta di audizione, la presentazione da parte di Mittal del nuovo piano industriale, che prevede un numero esorbitante di esuberi, e le dichiarazioni rese alla trasmissione ‘Porta a Porta’ dall’ad Morselli che non hanno mancato di suscitare commenti e polemiche”.

Dunque, l’audizione, osserva il consigliere, “costituisce a mio avviso un passaggio importante per poter chiarire le reali intenzioni del gruppo franco-indiano nei confronti dello stabilimento siderurgico di Taranto. ArcelorMittal non può continuare a giocare con il territorio ionico e deve fare chiarezza sui suoi comportamenti e sulle sue decisioni”.
Domani si riunirà in video conferenza il tavolo composto da commissari di Ilva in amministrazione straordinaria, che sono rappresentanti della proprietà degli impianti, Mef e Mise, a livello tecnico, per fare il punto della situazione. Il tavolo dovrebbe programmare un incontro con ArcelorMittal circa la verifica del contratto di fitto in essere da parte della società (ArcelorMittal è subentrata a Ilva in amministrazione straordinaria nella gestione del gruppo dell’acciaio a novembre 2018).
Con ArcelorMittal, l’amministratore delegato di Invitalia, Domenico Arcuri, e il consulente del Governo sul dossier, Francesco Caio, hanno già avuto un confronto qualche giorno fa dedicato all’avvio della discussione sul coinvestimento Stato è ArcelorMittal nella compagine societaria. Il soggetto pubblico individuato è Invitalia. Il nuovo piano industriale che ArcelorMittal ha presentato lo scorso 5 giugno, è stato intanto bocciato sia dal Governo (premier Giuseppe Conte e diversi ministri e vice ministri) e sindacanti, che hanno già effettuato una prima giornata di sciopero di 24 ore in tutti i siti del gruppo. Il piano è stato respinto perché prevede una previsione di 3200 esuberi con la discesa dell’occupazione nel gruppo da 10.700 attuali a 7.500. (AGI)

Comments are closed.