AEROSPAZIO: MENO BULLONI E PIU’ REGOLE PER LA QUARTA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE

Le risposte dei vertici dei Cluster tecnologici alla tavola rotonda coordinata da Acierno

77

“I cluster tecnologici nazionali avranno un riconoscimento per decreto”, ha annunciato Silvia Nardelli (dirigente del servizio Incentivazione e sostegno alla competitività del  Miur), ma è necessario che, parola di Cristina Leone, presidente del Cluster nazionale dell’aerospazio,“ si lavori su periodi medio- lunghi di programmazione, così come accade in Europa, dove già si sa cosa accadrà sino al 2026-2030 e sono noti i budget e le priorità”. Sono queste alcune delle risposte offerte dai dirigenti dei Cluster nazionali in occasione della tavola rotonda sul tema “ La quarta rivoluzione industriale tra sfide e cambiamenti: siamo pronti?”, organizzata e coordinata da Giuseppe Acierno, presidente del Dta (Distretto tecnologico aerospaziale) a conclusione della iniziativa, svoltasi a Villa Romamazzi Carducci, di presentazione di una pubblicazione  contente i risultati di alcuni progetti di ricerca e sviluppo completati dal Dta negli ultimi anni con finanziamenti del Miur. La pubblicazione è stata curata da Giuseppe Acierno, Silvano Capuzzo, Manuela Matarrese e Antonio Zilli.

Alla tavola rotonda 

hanno partecipato, insieme a Nardelli e Leone: Domenico Laforgia, Direttore del Dipartimento Sviluppo Economico, Innovazione, Istruzione, Formazione e Lavoro, Regione Puglia; Laura Morgagni, Segretario Generale, del Cluster Tecnologico Nazionale Tecnologie per le Smart Communities; Enrico Pisino, Presidente del Cluster Nazionale Trasporti; Pietro Aleardo Siciliano, Presidente del Cluster Tecnologico Nazionale “Tecnologie per gli ambienti di vita”; Gianluigi Viscardi, Presidente del Cluster Nazionale Fabbrica Intelligente.

Da tutti i partecipanti alla tavola rotonda è venuta una risposta unitaria sulla necessità “ che i ministeri si integrino nell’affrontare la sfida del futuro e si elimini quanti più bulloni è possibile per dare forza alle sfide dell’innovazione che ci attendono”. Cristina Leone ha sottolineato che “per le piccole aziende è difficile fare ricerca e il Cluster può svolgere il compito di collegare piccola e grande impresa per rendere competitivo il sistema lavorando lungo tre direttive: innovazione, digitalizzazione e sicurezza”.

Enrico Pisino ha ricordato la “debolezza del paese, che sconta un gap di infrastrutture”. “Bisogna investire su infrastrutture che non servano una sola azienda. L’aeroporto di Grottaglie è un grande esperienza e una grande intuizione che vanno valorizzate”. Ma è necessario lavorare sulle competenze in vari settori perché; al momento per esempio, “non vi sono disponibili ingegneri pronti a lavorare sulle autovetture senza pilota. Acierno ha ricordato che il Dta ha affidato alla società di consulenza direzionale Arthur D. Little l’incarico di studiare il mercato per  conoscere i fabbisogni  professionali e formativi e offrire soluzioni alle parti in campo.

Nicola Laforgia ha fatto riferimento a “una macchina amministrativa imballata, controllata da una ignoranza attiva e pericolosissima che ha riempito i gangli attivi del Paese e  ha avuto il coraggio di richiedere “meno moralismo e maggiori competenze per rilanciare i programmi industriali”. Ha rivendicato alla Regione “l’intuizione di rilanciare l’aeroporto industriale di Grottaglie” e ha riconosciuto il grande lavoro svolto dal Dta, “perché sin dalla nascita si decise di puntare su una guida a tempo pieno, e fu scelto Acierno che si è potuto dedicare al Distretto a tempo pieno facendolo diventare una eccellenza della Puglia”.

Pietro Aleardo Siciliano, presidente del Cluster Tecnologico Nazionale “Tecnologie per gli ambienti di vita”, ha rimarcato il risultato che si può ottenere “mettendo a braccetto utente, impresa ed ente di ricerca” e ha sottolineato la necessità che i Cluster  tecnologici “lavorino per armonizzare le buone idee ed evitare quelle vecchiotte ed estemporanee”.

Gianluigi Viscardi ha rimarcato la necessità che per trasformare le fabbriche “Miur e Mise lavorino insieme”. Anche Laforgia ha convenuto sulla necessità di integrazione, ricordando, da ex rettore di UniSalento, che la trasformazione del sistema è partita “quando le Università si sono messe al servizio del territorio”.

Da Laura Morgagni  è venuta la richiesta di investimenti sulle infrastrutture, con l’’esigenza di tempi certi di realizzazione in un rapporto pubblico-privato per costruire un sistema performante che “lavori a bordo auto e a bordo strada per rafforzare la sicurezza nel campo della mobilità intelligente anche attraverso l’utilizzo della digitalizzazione”.

La dirigente del Miur, Nardelli, ha riconosciuto che “vi sono troppi bulloni nei posti sbagliati” che impediscono un percorso più spedito nel campo dell’innovazione, “ma molti operatori non conoscono le norme che devono osservare”.

Acierno 

ha salutato la presenza tra il folto pubblico di tecnici, docenti e scienziati, del professore Luciano Guerriero, primo presidente (dalla fondazione del 1988 al 1993) dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi).

La prima parte dell’iniziativa, con introduzione affidata ad Acierno e a Manuela Matarrese, responsabile della formazione del Dta, è servita a illustrare i risultati dei seguenti progetti gestititi dal Dta come capofila e portati a compimento insieme alle aziende socie e ai partner. Acierno ha ricordato che “i progetti hanno rafforzato il sistema delle competenze territoriali attraverso la realizzazione di laboratori di ricerca e attraverso l’ingresso nel mondo del lavoro in maniera stabile di 52 giovani laureati beneficiari dei master post-laurea organizzati e realizzati dal DTA attraverso i fondi europei gestiti dal MIUR. I progetti hanno contribuito a rinnovare la strategia distrettuale consolidando direttrici tecnologiche cruciali per l’industria aerospaziale italiana del futuro ed individuandone di nuove”.

Da Benedetto Gambino, di Leonardo SpA, sono stati illustrati i risultati raggiunti con il progetto DIMAS “Tecnologie e processi ad alta automazione per la produzione di strutture in composito e loro manutenzione nel ciclo di vita dei prodotti” sul quale hanno lavorato: Leonardo Spa,  Dta, Blachshape,  Cnr, Enela Brindisi, Enginsoft, Gse, Politecnico di Bari, Salver Spa, UniSalento.

Giuseppe Totaro, di Leonardo SpA, ha illustrato i i risultati di SPIA “Strutture Portanti Innovative Aeronautiche” che ha visto impegnati Leonardo Spa, Dta, Avio Aero, Blackshape Spa, Consorzio Cetma, Enginsoft, Politecnico di Bari, Salver Spa, UniSalento.

Maria Rita Petrachi, di AvioAero, ha presentato  i risultati di TEMA “Tecnologie Produttive per Leghe di Alluminio ed al Titanio”, sul quale hanno lavorato Avio Aero, Dta, Consorzio Cetma, Enea Brindisi, UniSalento

Cristoforo Abbattista, di Planetek, ha illustrato  APULIA SPACE “Sviluppo di tecnologie abilitanti nei segmenti Spazio, Terra e Utente”, progetto nel quale sono stati impegnati Planetek, Dta. Enginsoft, Gap srl, Imt srl, Cnr, Enea Brindisi, Politecnico di Bari,Università di Bari e UniSalento.

Da Silvio Pappadà, del Consorzio Cetma è stato illustrato il progetto  MAIPCO “Metodologie Avanzate di Ispezione e Controllo dei processi produttivi di strutture complesse in composito”, nel quale sono stati coinvolti Leonardo Spa, Cetma, Dta, Salver, Enginsoft, UniSalento

Da Giuseppe Giliberti, di AvioAero, infine sono stati illustrati  i risultati di MEA “Gestione ibrida dell’energia per applicazioni aeronautiche”. Nel progetto sono stati coinvolti Avio Aero, Dta, Politecnico di Bari, Cnar, UniSalento.

Comments are closed.